Bianco

Bianco

 

Lo schermo del computer
è vuoto,
bianco
soltanto:
deve essere riempito
con una poesia
ma non riesco a concentrarmi
né a scrivere.
Lo guardo
e penso:
“Cosa scriverò?”
“Cosa mi inventerò?”
Rifletto,
ma non trovo le parole
che se ne vanno da sole
uscendo dalla mia testa
mesta
come la sabbia
dalla clessidra
che inesorabile marca
il tempo della mia vita
che passa e va avanti
senza fermarsi.
Lo schermo del computer
è vuoto,
bianco
ma sarà riempito
prima o poi.

 

Cosimo Barducci
Classe 1D – Scuola Secondaria di primo grado “Puccini” di Firenze

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it