spettacolo

Taylor Swift Vs Kim Kardashian: la faida per Famous di Kanye West

taylor swift vs kim kardashianROMA – Taylor Swift vs Kim Kardashian: continua la faida tra la cantante e la moglie di Kanye West proprio per “colpa” del rapper.

Non sono giorni facili per Taylor. Solo la settimana scorsa i riaccesi contrasti con Calvin Harris, oggi un video su Snapchat che non le è piaciuto per niente.

Al centro della contesta l’ultimo singolo di Kanye West in cui la Swift è protagonista. All’inizio della canzone, infatti, il rapper ha parole non molto carine per la sua ex pupilla.

For all my Southside niggas that know me best. I feel like me and Taylor might still have sex. I made that bitch famous!

Una strofa che, secondo West, sarebbe stata concordata con la cantante. Ovviamente Taylor ha sempre negato di aver acconsentito di essere chiamata “stronza” pubblicamente. Da allora tanti botta e risposta tra i due. Kanye tempo fa aveva dichiarato:

Ho chiamato Taylor e abbiamo avuto una conversazione di un’ora sul testo della canzone.  Lei l’ha trovato divertente e mi ha dato la sua benedizione.

Dopo settimane le acque sembravano essersi calmate. Una calma che Kim Kardashian non ha fatto durare più di tanto. Lo aveva anticipato in un’intervista per GQ: Taylor sapeva del testo e un video lo dimostra.

Taylor ha approvato il testo. Sapeva che sarebbe uscito. All’improvviso ha fatto finta di non saperlo. Giuro. Mio marito riceve troppe offese per cose che fa seguendo il protocollo e per cui riceve pure l’approvazione. Quale rapper chiamerebbe la ragazza su cui sta rappendo per avere il consenso?

Taylor Swift vs Kim Kardashian: il video su Snapchat che prova come Taylor sapesse della strofa a lei dedicata

Kim Kardashian non ce l’ha fatta più a trattenersi sull’argomento Swift – West. Secondo la modella e stilista, Taylor giocherebbe troppo a fare la vittima a discapito del marito che, invece, viene etichettato come un bugiardo. Oggi quel video che prova la conversazione avvenuta tra i due artisti ha visto la luce su Snapchat.

Nel video di poco più di un minuto si sente Kanye leggere una frase della strofa alla Swift che sembra approvarla senza troppi problemi.

Penso sia una sorta di complimento questa frase. Scrivi quella che credi sia migliore. È irriverente ma apprezzo tu me l’abbia detto, è una cosa carina! Non è offensiva secondo me, non turba i miei sentimenti.

Certo nel video Kanye non cita la frase in cui la chiama “stronza” e, di conseguenza, di quella frase Taylor non sarebbe stata a conoscenza.

 

Taylor Swift vs Kim Kardashian: la replica della cantante

taylor swift vs kim kardashian

“Dov’è il video in cui Kanye mi dice che mi avrebbe chiamata ‘stronza’ nella sua canzone? Non esiste perché non è mai successo.

Volevo farmi piacere la canzone. Volevo avere un rapporto amichevole con lui. Mi aveva promesso che mi avrebbe fatto ascoltare la canzone ma non l’ha mai fatto. In quella telefonata stavo solo cercando di supportare Kanye ma non puoi approvare una canzone che non hai sentito. Sono stata raffigurata come una bugiarda senza aver avuto la possibilità di sapere tutta la storia prima o ascoltare quelle parti che sono diffamazione. Mi piacerebbe essere esclusa da questa storia, una in cui non ho mai chiesto di esserne parte, dal 2009″

Un post breve ma d’effetto. Taylor Swift continua a negare ogni accusa. E, precisa, lo fa dal 2009. La goccia che ha fatto traboccare il vaso e incrinare il loro rapporto è caduta proprio quell’anno. Agli Mtv Video Music Awards, Kanye salì sul palco durante la premiazione della cantante nella categoria “Best Video”. Un premio ambitissimo e un momento che Taylor aspettava da molto. Peccato che Kanye scelse di interrompere il suo discorso di ringraziamento per dire: “Sono molto contento per te e ti farò finire ma Beyoncé ha fatto uno dei migliori video di sempre”. Un’uscita poco piacevole a cui il rapper non era nuovo. Le interruzioni a sorpresa sono sempre state il suo forte. Nel 2015, un’altra interruzione – questa volta ai 57esimi Grammy – durante la premiazione del produttore Beck.