spettacolo

Massive Attack, domani live a Firenze

Massive_AttackROMA – I Massive Attack compiono 25 anni. Un percorso, quello del gruppo, lastricato di grandi successi come “Protection”, “Mezzanine”, “Heligoland”, fino al recente ep “Ritual Spirit”, in cui il rock si fonde con l’elettronica il soul e l’hip hop.

Massive Attack domani alla Visarno Arena di Firenze

In attesa del concerto evento previsto nella loro Bristol, i Massive Attack suoneranno domani, 24 luglio, alla Visarno Arena di Firenze.

Un live in cui la musica e i testi del gruppo si mescoleranno a visual spettacolari, immagini e testi mixati in tempo reale, espliciti riferimenti alle campagne politiche e di denuncia che il gruppo sostiene da sempre.

Un po’ di storia…

Pochi gruppi come i Massive Attack hanno rappresentato un punto di riferimento assoluto, coniando un genere, il trip hop, che dagli anni ’90 ha lasciato un segno indelebile, influenzando generazioni di appassionati e migliaia di musicisti ad ogni latitudine.

Il collettivo, guidato da Robert Del Naja e da Grant Daddy G Marshal e attivo dal 1987, si è affermato sulla scena internazionale nel 1991 con la pubblicazione di “Blue Lines”, primo di una serie di capolavori discografici fino al loro ultimo ep Ritual Spirit”, uscito lo scorso marzo. Tantissime le collaborazioni realizzate nel lungo percorso creativo, con artisti come Sinéad O’Connor, Madonna, Tricky, Horace Andy, Shara Nelson, Mos Def, Elizabeth Fraser, Martina Topley-Bird e Tracey Thorn.

Il nuovo ep “Ritual Spirit”

Composto da quattro tracce inedite, “Ritual Spirit” è stato scritto e prodotto da Robert Del Naja ed Euan Dickinson e vede il ritorno di Tricky (in “Take It There”), oltre alle collaborazioni con Young Fathers (in “Voodoo In My Blood”), Roots Manuva (in “Dead Editors”) e Azekel (in “Ritual Spirit”).

Lo scorso inverno i Massive Attack hanno lanciato anche l’app “Fantom” (www.thefantom.com) progettata dallo stesso Robert Del Naja: un player “musicale-sensoriale” che remixa e assembla i brani in base a una serie di variabili ambientali fra cui il luogo, il movimento, l’ora e la fotocamera.