fotogallery

Arrival, cosa vogliono gli alieni dalla Terra? – TRAILER

ROMA – Arriva al cinema il prossimo 24 novembre, Arrival, un thriller di fantascienza provocatorio del celebre regista Denis Villeneuve (SICARIO, PRISONERS).
Un altro film su invasioni aliene?
Non propriamente.

A differenza delle pellicole catastrofiche, dove forze extraterrestri ostili devastano la Terra, Arrival può essere considerato un intelligente thriller fantascientifico-psicologico, che si distanzia dalle classiche e disastrose invasioni aliene.

Arrival – Trailer

arrival film alieniArrival – Sinossi

Amy Adams è Louise Banks, professoressa di lingue che ha subìto una terribile tragedia personale: la sua amata figlia Hannah è morta di una rara forma di cancro.

Ma quando arriveranno all’improvviso 12 navi spaziali in diversi paesi in tutto il mondo, dovrà mettere il suo dolore da parte e collaborare con l’esercito degli Stati Uniti grazie alle sue capacità linguistiche in un tentativo di comunicare con gli alieni.

Viene così formata una squadra di élite per investigare sulle intenzioni degli creature spaziali: non sembrano ostili, almeno in apperanza.
Allora cosa vogliono realmente da noi?

Mentre l’umanità vacilla sull’orlo di una Guerra globale, Banks, con il fisico Ian Donnelly (Jeremy Renner) e il resto del gruppo, affronterà una corsa contro il tempo in cerca di risposte – e per trovarle, farà una scelta che metterà a repentaglio la sua vita e, forse, anche quella del resto della razza umana.

Il regista Denis Villeneuve porta sul grande schermo un intelligente thriller fantascientifico.

Basato sul breve racconto “Story of Your Life” di Ted Chiang del 1998, Arrival è una nuova storia aliena, che tuttavia si distacca dai classici “alien invasion movie”.

“La storia di Arrival è incentrata su Louise Banks, linguista di una università del nordest degli Stati Uniti – raccontaa Villeneuve – viene reclutata dal governo USA per addentrarsi in una di quelle navicelle spaziali, entrare in contatto con gli alieni e cercare di tradurre e capire lo scopo della loro visita. Si tratta della relazione con una civiltà diversa”

La perdita di Hannah, sua figlia, è fondamentale per capire chi è Louise ed è una parte nevralgica della storia, infatti la storia viene raccontata come se Louise stia raccontando ad Hannah la storia della sua vita.

“Conosciamo il personaggio di Louise grazie alla sua storia con la figlia, che una delle parti del film che preferisco – continua Villeneuve – la Adams dona al suo personaggio molta umanità, profondità ed una bellissima vulnerabilità, la malinconia che stavo cercando. Vediamo una donna in lutto per la perdita della figlia. Si capisce che è una persona che non ha più nulla da perdere. Molto bella da vedere, triste ma allo stesso tempo bellissima. Non avendo più nulla da perdere, si tuffa con coraggio in questa avventura”.

Presentato in anteprima alla Mostra del Cinema di Venezia 2016, Arrival arriverà nei cinema italiani il 24 novembre 2016.