fotogallery

Charlie Hebdo e la vignetta sul terremoto: vittime come lasagne. E’ polemica

“Terremoto all’italiana: penne al sugo di pomodoro, penne gratinate, lasagne”.
E’ polemica per l’ultima vignetta del settimanale satirico francese Charlie Hebdo, che nell’ultima edizione ha ironizzato sul sisma che il 24 agosto 2016 ha mietuto 294 vittime nel Centro Italia, raso al suolo interi paesi e causato migliaia di sfollati.
Vittime e superstiti della tragedia diventano nella vignetta penne al sugo di pomodoro, penne gratinate e lasagne.
Il sangue è la salsa di pomodoro e i morti sono sepolti tra gli “strati di lasagna” delle macerie.

charlie hebdo vignetta terremoto

Nelle poche righe che accompagnano l’immagine c’è anche quella che vorrebbe essere una battuta: “Non si sa ancora se il terremoto abbia gridato Allah Akbar prima di tremare”.

Firma l’immagine il vignettista Felix.

La vignetta è pubblicata nell’ultima pagina del settimanale, che apre invece con una vignetta sul burkini.

Sui social la reazione di indignazione è immediata.
Tanti sostengono che Charlie Hebdo ha passato il segno, che non si può scherzare sulle 294 vittime di un terremoto.  E, dopo il motto #JesuisCharlieHebdo che era dilagato all’indomani dell’attentato terroristico del 7 gennaio 2015 nella sede del giornale, oggi qualcuno si rimangia quella dichiarazione di solidarietà e fa un passo indietro.

C’è anche chi considera la vignetta una denuncia contro la politica italiana e di come essa abbia “mangiato” sulla pelle dei cittadini sui disastri naturali.

E chi difende Charlie Hebdo: “E’ solo satira!”, “Se non indigna non è satira”.

SERGIO PIROZZI: “MA COME CAXXO SI FA”

Tra i primi a reagire, Sergio Pirozzi, sindaco di Amatrice: “Ma come cazzo si fa a fare una vignetta sui morti! Sono sicuro che questa satira sgradevole e imbarazzante non risponde al vero sentimento dei francesi. Ben venga l’ironia, ma sulle disgrazie e sui morti non si fa satira e sapremo mostrare come il popolo italiano sia un grande popolo, lo è stato nell’emergenza e lo sarà nella ricostruzione”.

NICOLA ZINGARETTI: “VERGOGNATEVI”

zingaretti terremoto charlie hebdo

GIORGIA MELONI: “NON FA RIDERE, L’HA DISEGNATA UN CRETINO”

“Charlie Hebdo pubblica una vignetta satirica sui morti italiani del terremoto. Non fa ridere, non è sagace, non c’è neppure del “sarcasmo nero”. È solo brutta. Si vede che l’ha fatta un cretino. ‎Mi spiace non siano riusciti più a trovare vignettisti capaci.‎

meloni charlie hebdo

 ENRICO MENTANA: “CHARLIE HEBDO E’ QUESTO”

“Scusate, ma Charlie Hebdo è questo! Quando dicevate “Je suis Charlie” solidarizzavate con chi ha sempre fatto simili vignette, dissacrando tutto e tutti. Le vignette su Maometto anzi facevano alla gran parte degli islamici lo stesso effetto che ha suscitato in tutti noi questa sul terremoto. Fu Wolinski, una delle vittime dell’attacco terrorista del gennaio 2015, a far capire ai colleghi italiani quarant’anni fa che la satira poteva essere brutta sporca e cattiva. Vogliamo rompere le relazioni con la Francia dopo aver marciato in loro difesa? Basta più laicamente dire che una vignetta ci fa schifo”

ENRICO MENTANA CHARLIE HEBDO

FRANCESCO FACCHINETTI: “NON E’ SATIRA”

TERREMOTO ALL’ITALIANA
– Penne al pomodoro
– Penne gratinate
– Lasagne
Io sono stato Je Suis Charlie Hebdo perché non si nega la vita a nessuno al mondo. In questo caso, invece, posso solo dire che quella che vedete non è SATIRA ma è una vignetta ORRIBILE. Libertà di pensiero per tutti e quindi anche per chi si indegna di fronte a questo schifo!
VERGOGNA

charlie hebdo vignetta terremoto

LUCA BIZZARRI: QUESTA E’ SATIRA

“Siamo tutti Charlie. Anche quando non fa ridere, anche quando fa schifo. Perchè sta proprio lì, la forza della libertà di espressione. Anche quando non fa ridere, anche quando fa schifo”

charlie hebdo vignetta terremoto