attualita

Università. Test di Medicina, alla Sapienza terminati i quiz

la_sapienzaRoma – In circa 5mila questa mattina hanno affollato l’aula magna del dipartimento di Ortopedia alla Sapienza di Roma. Cinquemila aspiranti medici, chirurghi e odontoiatri che hanno risposto a 60 domande a risposta multipla per poter accedere alle rispettive facolta’. Di loro, potra’ accedere alle facolta’, all’incirca un candidato su sei (9.200 i posti disponibili in tutta Italia). Il test d’accesso e numero chiuso e’ iniziato intorno alle 11 con un un’ora e mezza di tempo a disposizione per rispondere a tutte le domande.

Cinque le materie d’esame nei quiz

Cinque le materie d’esame: biologia, chimica, matematica, fisica e cultura generale. Cinque le possibilita’ di risposta per ogni domanda. Quello di oggi si e’ confermato il test piu’ atteso, quello al centro di polemiche per modalita’ e numero chiuso – non sono mancati le proteste di associazioni di studenti tra cui Udu e Rete studenti medi davanti al dipartimento che hanno distribuito ai partecipanti ‘La guida al test sicuro’ – ma la prova sembra essere scivolata via senza particolari problematiche.

Il coro e’ stato quasi unanime:

“Mi aspettavo fosse piu’ difficile”. E’ quanto hanno dichiarato quasi tutti i ragazzi che intorno a mezzogiorno hanno iniziato a lasciare l’Aula. Un unica, lieve, difficolta’, le due domande di cultura generale: il piano Marshall e il nome della rivista piu’ celebre negli anni dell’Illuminismo in Italia. “Non propriamente argomenti di competenza per aspiranti medici”, ha sibillato qualcuno. “Ho avuto qualche difficolta’- ha detto Marco- ma come esame si poteva fare. Domande di cultura generale? Ne ho fatta solo una”. Poche difficolta’ anche per Sara: “Sono arrivata abbastanza preparata anche grazie a un corso che avevo seguito al Policlinico. E’ stata una prova tranquilla, da quello che avevo sentito pensavo molto peggio”. Tutte domande “che mi aspettavo” anzi, “che pensavo fossero piu’ complicate”, e’ anche il parere di Giovanni.

Niente cultura generale invece per Roberta che ha deciso di saltare i due quesiti “per non rischiare di perdere punti”, ma giudizio positivo per quel che riguarda il resto della prova. Qualche risposta “in bianco” anche per Giulia, che ritiene fisica e matematica “le materia piu’ difficili”. “Abbastanza buone” infine le sensazioni di Alessia che tuttavia ha riscontrato “qualche ostacolo in fisica e matematica”. “Mi aspettavo un esame piu’ difficile- ha aggiunto- e non ho percepito un clima ostile nell’aula”, resta il fatto, “che la facolta’ di Medicina dovrebbe essere aperta a tutti. Se uno vuole proseguire il suo percorso di studi deve essere libero di poterlo fare senza impedimenti come il numero chiuso”.