fotogallery

Storia a lieto fine per Bart: il gatto “zombie” trova una casa dopo 2 anni

bart gatto zombieROMA – In pochi se lo ricorderanno, ma la sua storia 2 anni fa ha fatto il giro del web.
Nel gennaio 2015 il gatto Bart finì sotto un’auto e, credendolo morto, il suo padrone Ellis Houston lo seppellì nel giardino di casa.
5 giorni dopo è riemerso dalla sua tomba bussando alla porta di casa in cerca di cibo.
Subito portato al centro veterinario Humane Society di Tampa, Florida, Bart è stato ricoverato con ferite molto gravi, tra cui un trauma cranico e una mascella rotta.
Soprattutto, a causa dell’urto con il veicolo aveva perso un’occhio.
Una straordinaria storia di sopravvivenza che trasformò il gatto “zombie” in gatto dei miracoli.

Questa è la storia raccontata dai media, che prosegue con una battaglia legale per la sua custodia.

Bart, il gatto zombie trova casa

La Humane Society ha sostenuto che Bart non sarebbe dovuto tornare a casa, perché ormai troppo delicato per vivere in un ambiente con bambini piccoli.

Dopo 20 mesi la Humane Society ha vinto la custodia di Bart: uno dei dipendenti della clinica è da oggi il suo nuovo proprietario.

bart gatto zombie

La Humane Society di Tampa Bay ha rilasciato questa dichiarazione toccante su Bart nel giorno della sua adozione e ha ospitato una festa in suo onore.

“Per molti divenne noto come ‘Zombie Cat’, ma per noi è sempre stato a dir poco un miracolo. Non perché crediamo che sia risorto, ma perché il suo spirito gentile, la volontà di sopravvivere, e la resilienza di fronte ai traumi, incarna tutto ciò che amiamo e ammiriamo degli animali. E’ veramente un ambasciatore delle seconde possibilità e continua ad ispirare le persone in tutto il mondo. Ti vogliamo bene, Bart, sempre e per sempre”