spettacolo

Emmy Awards 2016, Game of Thrones sbanca i premi della televisione

emmy awards 2016ROMA – Miglior drama, miglior regia e migliore sceneggiatura per una serie drammatica. Game of Thrones ha conquistato tutto quello che era possibile agli Emmy Awards 2016.

Si è svolta la scorsa notte la 68esima edizione degli ambiti premi della televisione  al Microsoft Theatre di Los Angeles. Una serata con poche sorprese per quanto riguarda i vincitori. La serie di HBO ha fatto incetta di premi diventando il prodotto televisivo più premiato nella storia degli Emmy. Sono 38, in totale, i premi guadagnati in questi anni di messa in onda.

Emmy Awards 2016, il “trono” condiviso di Game of Thrones

Games of Thrones ha, però, dovuto condividere il “trono” con The People di O.J. Simpson e  Veep di Armando Iannucci. La prima si è portata a casa ben 5 premi. Miglior miniserie e Migliore sceneggiatura per una serie limitata, film per la TV o special drammatico. Premiati, poi, i personaggi che hanno animato il telefilm. Courtney B. Vance vince come miglior attore in una miniserie, Sarah Paulson come miglior attrice e Sterling K. Brown come miglior attore non protagonista.

La serie sul Vicepresidente incompetente è, invece, risultata la miglior comedy. Un risultato confermato anche dal premio alla protagonista Julia Louis-Dreyfus.

Il premio per il miglior attore protagonista in una serie drammatica è andato a Rami Malek, l’hacker depresso di Mr. Robot, mentre a Jeffrey Tambor – per il secondo anno consecutivo – il premio come miglior attore in una comedy per Transparent.

emmy awards 2016

Ecco la lista di tutti i premiati agli Emmy Awards 2016.

Migliore serie drammatica

Game Of Thrones – HBO

Migliore serie comedy

Veep – HBO

Miglior attore in una serie drammatica

Rami Malek, Mr. Robot – USA

Migliore attrice in una serie drammatica

Tatiana Maslany, Orphan Black – BBC America

Miglior attore non protagonista in una serie drammatica

Ben Mendelsohn, Bloodline – Netflix

Migliore attrice non protagonista in una serie drammatica

Maggie Smith, Downton Abbey – PBS

Miglior attore in una serie comedy

Jeffrey Tambor, Transparent – Amazon

Migliore attrice in una serie comedy

Julia Louis-Dreyfus, Veep – HBO

Miglior attore non protagonista in una serie comedy

Louie Anderson, Baskets – FX Networks

Migliore attrice non protagonista in una serie comedy

Kate McKinnon, Saturday Night Live – NBC

Migliore serie limitata

The People v. O.J. Simpson: American Crime Story – FX Networks

Miglior film per la TV

Sherlock: L’abominevole sposa – PBS

Miglior attore in una serie limitata o film per la TV

Courtney B. Vance, The People v O.J. Simpson: American Crime Story – FX Networks

Migliore attrice in una serie limtata o film per la TV

Sarah Paulson, The People v O.J. Simpson: American Crime Story – FX Networks

Miglior attore non protagonista in una serie limitata o film per la TV

Sterling K. Brown, The People v. O.J. Simpson: American Crime Story – FX Networks

Migliore attrice non protagonista in una serie limitata o film per la TV

Regina King, American Crime – ABC

Miglior talk show

Last Week Tonight with John Oliver – HBO

Miglior varietà

Key & Peele – Comedy Central

Miglior talent show

The Voice – NBC

Miglior programma animato

Archer – The Figgis Agency – FX Networks

Migliore sceneggiatura per una serie drammatica

Game of Thrones, “Battle Of The Bastards” (HBO), scritto da David Benioff, D. B. Weiss

Miglior regia per una serie drammatica

Game of Thrones, “Battle of the Bastards” (HBO), diretto da Miguel Sapochnik

Migliore sceneggiatura per una serie comedy

Master of None, “Parents” (Netflix), scritto da Aziz Ansari, Alan Yang

Miglior regia per una serie comedy

Transparent, “Man on the Land” (Amazon), diretto da Jill Soloway

Migliore sceneggiatura per una serie limitata, film per la TV o special drammatico

The People v. O.J. Simpson, “Marcia, Marcia, Marcia” (FX), scritto da D.V. DeVincentis

Miglior regia per una serie limitata, film per la TV o special drammatico

The Night Manager (AMC), diretto da Susanne Bier

Miglior regia per uno special di varietà

Grease: Live (FOX), diretto da Thomas Kail, Alex Rudzinski

Migliore sceneggiatura per una special di varietà

Patton Oswalt: Talking For Clapping (Netflix), scritto da Patton Oswalt