spettacolo

Cinema, a Trento il Religion Today Filmfestival

religion-today-filmfestivalROMA – Presentato ieri mattina presso la Casa del Cinema di Roma il 19° Religion Today Filmfestival, in programma a Trento e in altre localita’ tra il 7 e il 17 ottobre prossimi. Quest’anno ‘Religion Today’ sceglie come titolo ‘C’eravamo tanto amati. Religioni e relazioni di genere’.

Religion Today Filmfestival, gli appuntamenti

La direttrice artistica del festival, Katia Malatesta dichiara: “Il festival si snoda durante la settimana con un appuntamento che rappresenta per il festival una novita’: una striscia quotidiana, alle 17.30, che abbiamo intitolato ‘Storie di donne – e di uomini’. Film che toccano tra l’altro i temi della violenza di genere e del corpo nelle religioni. Due appuntamenti importanti da segnalare. Il 9 ottobre una serata sul tema del velo e il 13 ottobre con il binomio donne e politica, in cui avremo ospite Ruth Colian, la prima donna ebrea ultra-ortodossa a tentare la corsa alla Knesset, il parlamento israeliano, insieme alla protagonista di Radical Grace, film che apre il tema del femminismo all’interno della Chiesa cattolica”.

Religion Today Filmfestival, i film

Saranno 53 i film presenti al Religion Today Filmfestival, provenienti da 26 diversi paesi, e sono film che, come spesso accade con le proposte dei festival, non trovano distribuzione in Italia. Religion Today ha attivato una stretta collaborazione con ACEC, Associazione Cattolica Esercenti Cinema. Ospite della presentazione romana anche una rappresentante del film ‘Radical Grace’, Kate Mc Elwee, della Women’s Ordination Conference. “Il film racconta le reazioni di chiusura da parte dell’istituzione ecclesiastica nei confronti del femminismo ‘radicale’ di un gruppo di suore americane”. A chiudere l’incontro e’ Sara Ferrari, assessore alle Pari Opportunita’ della Provincia Autonoma di Trento che afferma con forza la posizione della Provincia. “Siamo un territorio che vuole affrontare il tema delle relazioni di genere anche attraverso la cultura e lo strumento del cinema”.