Una bambina su tre, crede che le donne siano giudicate esclusivamente per la loro bellezza

Una bambina su tre crede che le donne siano giudicate esclusivamente per la loro bellezza

bambinaRoma – Secondo quanto rivelato da un ultimo studio, una bambina su tre crede che le donne vengano giudicate esclusivamente per la loro bellezza e non per il loro cervello.

Secondo il Girlguiding’s Girls’ Attitudes Survey 2016, il 36% delle bambine dai 7 ai 10 anni sostiene inoltre, che il proprio aspetto sia la cosa più importante della propria vita. Secondo quanto riportato da questo studio, il 38% delle bambine afferma di non sentirsi abbastanza bella, il 23% afferma di sentire il bisogno di essere perfetta e il 15% afferma di sentirsi in imbarazzo o addirittura di vergognarsi, di come appaiono.

Gli attivisti, affermano che i risultati di questo studio evidenziano la forte necessità di combattere “l’oggettivazione e le molestie” che stanno “rovinando la vita di queste future donne”. Lo studio evidenzia inoltre, che le ragazze in Inghilterra, sono molto meno a proprio agio con il loro corpo rispetto a 5 anni fa. Nel 2011, quasi tre quarti delle ragazze (73%) affermavano di sentirsi a proprio agio con il proprio corpo, in opposizione al 61% di quest’anno. Sam Smethers, capo esecutivo del Fawcett Society, ha detto che le donne e le ragazze sono “continuamente” giudicate per il loro aspetto e per questo vengono portate a soffrire di significativi gradi di depressione e malattie mentali.

“E’ una cosa seria, come società abbiamo bisogno di capire che l’oggettivazione e le molestie stanno rovinando la vita di queste ragazze e noi non stiamo facendo nulla per impedirlo,” ha detto. La Girlguiding Association, ha lanciato una campagna sui social media con lo scopo di incoraggiare le persone a fare dei complimenti alle giovani donne, usando gli hashtag #YouAreAmazing e #GirlsAttitudes.

Fonte www.itv.com

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it