fotogallery

“Romolo+Giuly”, è guerra a colpi di ironia tra Roma Nord e Roma Sud

romolo-giulyROMA – Antico come Romolo e Remo, passionale come Romeo e Giulietta.
“A Roma c’è uno scontro che va avanti da migliaia di anni, quello tra il nord e il sud, il resto non conta”.
La “guerra” tra Roma Nord e Roma Sud diventa una esilarante web serie che sta facendo impazzire il web.

Prodotta dalla Zerosix, la prima puntata di “Romolo+Giuly” è stata trasmessa in anteprima al Roma WEB Fest, aggiudicandosi il premio Movieland, bando dedicato al mondo dei contenuti digitali.

Originale e divertente “Romolo+Giuly” è una parodia di Romeo e Giulietta in veste romana.

“Romolo+Giuly”, la guerra ha inizio

Nella Capitale due fazioni sono in guerra da secoli, Roma Nord e Roma Sud.
Due mondi, due stili, due realtà che si competono la Città Eterna in una faida senza precedenti.
Tutto ebbe inizio con Romolo e Remo, poi la storia vide il Ratto delle Parioline, il Sacco della Luiss, la Breccia di Corso Francia.
A guidare le fazioni, due famiglie di apri influenza, opposte da antica rugine.
I Copulati (Roma Nord), antica e nobile famiglia di palazzinari, e i Montacchi (Roma Sud), scaltri mercanti del trasporto su ruota.

Con queste premesse, la risata è assicurata.

Romolo Montacchi è l’unico figlio maschio del candidato sindaco Arfio.
Suo padre gli affida una missione pericolosissima: infiltrarsi a Roma Nord per rovinare la festa all’antica magione di Massimo Copulati.
Ma non tutto andrà come previsto.
Romolo, accompaganto dagli amici Manuel e Dario, dopo un viaggio per le strade dell’ostile tribù, finirà per innamorarsi, ricambiato, della bella figlia del rivale del padre: Giuly Copulati.

Rocambolesche disavventure per le strade di Roma attendono i due sfortunati amanti.

Romolo + Giuly, la prima puntata

Romolo+Giuly è prodotto dalla ZeroSix Productions di Federico Ferrante e Giulio Magnolia.
La regia è di Michele Bertini, scritto da Giulio Carrieri da un soggetto sviluppato con Michele Bertini Malgarini e Alessandro D’Ambrosi.
Nel cast,  Alessandro D’Ambrosi, Michelle Carpente, Federico Pacifici, Massimo Ciavarro, David Pietroni, Matteo Nicoletta, Niccolò Senni.