music and future

MAY, l’album di esordio di AN HARBOR

6-an-harbor-1-novembreedited

Roma – Federico Pagani, piacentino classe 1984 già attivo in svariati gruppi e ora all’opera da solista sotto il nome di An Harbor, ha pubblicato lo scorso 30 settembre il suo album d’esordio “MAY” (This Is Core Records/Believe). Il pubblico più giovane lo ha scoperto sul palco di X-Factor, passaggio televisivo che gli ha portato molta fortuna compresa un’interminabile tournée in tutta Italia con la sua chitarra acustica e un’AlfaGt. An Harbor significa “un porto” in inglese, rievoca il mondo del mare, della navigazione e delle grandi esplorazioni, immaginario molto caro a Federico, ma An Harbor sta anche a definire un luogo metaforico, un obiettivo, un fine a cui tutti siamo destinati, un ritorno sicuro dopo un viaggio bello e brutto che sia stato, e poi – con questa grafia – vuole rievocare anche la città di Ann Arbor, in Mitchigan, che negli anni ’60 fu culla del movimento per i diritti civili, della New Left americana, del White Panther Party e fu patria di band come MC5 e Stooges.
6-an-harbor-cover-albumLe canzoni di An Harbor parlano delle quattro cose che contano nella vita: l’amore, l’odio, il rocknroll e il non mollare mai. Il suo singolo “By The Smokestack” ha dato il via a quello che sarebbe stato un successo annunciato e infatti “May” – a quasi un mese dall’uscita – sta già riscuotendo grandissimi consensi di pubblico e critica. Il titolo del disco nasce spontaneamente, come il mese in cui tutto è in fiore, come le possibilità che si potranno dare, forse anche come il nome di una donna. Federico ha messo in otto tracce le sue primavere e le speranze, ma anche le tristezze. “May” si colloca nel punto in cui la distinzione tra il mainstream e l’indipendente, tra ciò che è pop da radio e ciò che non lo è, non ha più alcun significato: “May” è rabbia, leggerezza, sicurezza delle proprie capacità ma anche curiosità, tenuti insieme dall’innato gusto di Federico. La maggior parte del lavoro è stata fatta dal musicista, da solo, con qualche aiuto importante: Cristiano Sanzeri alla produzione e registrazione, Pietro Beltrami ai piani acustici, elettrici e synth e Federico Merli alle batterie. Il 2 ottobre è partito il MAY TOUR che vedrà An Harbor suonare da nord a sud: tutte le date sono sul sito  www.anharbor.com