tech

Realtà virtuale e chirurgia estetica si fondono: addio agli errori di bellezza

realtà virtuale e chirurgia esteticaROMA –  Realtà virtuale e chirurgia estetica sono pronte a fondersi. Anche in Italia. La tecnologia viene in aiuto di quanti vogliano far ricorso al ritocchino ma non sono sicuri di come appariranno dopo l’operazione.

La novità è stata annunciata dall’Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe) e promette di dire definitivamente addio agli errori di bellezza.

È così che presto ogni modifica effettuata sul proprio corpo potrà essere vista in anteprima per valutare se passare alla pratica chirurgica o meno.

Realtà virtuale e chirurgia estetica si fondono: in 3d le immagini del ritocco in anteprima

“La possibilità di ricostruire un’immagine 3D del paziente e di modificarla sta cambiando il modo in cui approcciarsi a un consulto specialistico e a un’eventuale procedura chirurgica. – ha detto a Oggi Alessandro Casadei, vice presidente dell’Aicpe – Le pazienti possono vedere su uno schermo la propria figura che ruota nello spazio. Inoltre, indossando un paio di speciali occhiali, può entrare in un camerino virtuale e ‘provare’ direttamente su di sé gli effetti che l’intervento avrebbe, ad esempio, forma e volume di un possibile nuovo seno sia dal proprio punto di vista, sia rimirandosi in specchi virtuali”.

Con occhialini e visori, quindi, il paziente avrà un’idea molto simile alla realtà di come apparirà dopo l’operazione. Secondo l’Aice, oggi sono in aumento i pazienti che richiedono sicurezze e certezze sui ritocchini che faranno. Una richiesta che non poteva essere soddisfatta. Almeno fino ad oggi in cui è corsa in aiuto la tecnologia. Perché se in Italia questo rinnovamento di pratiche e software sta arrivando solo ora, negli Stati Uniti la collaborazione tra realtà virtuale e chirurgia estetica è già cosa vecchia.

La realtà virtuale, presto in arrivo, aiuterà, così, “a ridurre l’ansia su quello che può accadere con l’operazione e a sentirsi più sicuri nel procedere. – ha spiegato  Casadei  – Chiaro, l’immagine sarà simile al risultato solo se l’operatore tiene conto di tutte le caratteristiche della paziente, dalla tonicità allo spessore dei tessuti. Ancora una volta, la serietà e la preparazione dello specialista chirurgo plastico gioca un ruolo fondamentale. Diversamente, questi strumenti potrebbero essere utilizzati per fare promesse non realizzabili con l’unico scopo di attirare e invogliare nuovi pazienti”.