fotogallery

Le origini di Halloween: la leggenda di Jack o’Lantern e altre storie

Le origini di Halloween

le origini di halloweenLe origini di Halloween risalgono alla festa celtica di Samhain.
I Celti, che vissero 2000 anni fa nella zona che ora è l’Irlanda, il Regno Unito e la Francia settentrionale, celebravano l’anno nuovo il 1 ° novembre. Questo giorno segnava la fine dell’estate e del raccolto e l’inizio del buio e del freddo inverno.
Nella tradizione celtica la festa di Samhain si celebrava nella notte tra l’ultimo e il primo giorno dell’anno, il 31 ottobre, quando il confine tra il mondo dei vivi e dei morti si assottigliava talmente tanto che i fantasmi potevano tornare sulla terra dall’oltre tomba. Oltre a causare problemi e danneggiare i raccolti, i Celti pensavano che la presenza degli spiriti ultraterreni avrebbero reso più facile per i Druidi, o sacerdoti celtici, fare previsioni sul futuro.

Per un popolo interamente dipendente dal mondo naturale, queste profezie erano un’importante fonte di conforto e di direzione durante il lungo e buio inverno.

Per commemorare l’evento, i Druidi costruivano enormi falò sacri, dove le persone si riunivano per bruciare le colture e donare gli animali in sacrificio alle divinità celtiche. Durante la celebrazione, i Celti indossavano costumi, costituiti in genere da teste di animali e pelli, raccontandosi le reciproche fortune.
Quando la festa finiva, riaccendevano i loro focolari, che avevano spento quella sera, con la brace del falò sacro per avere protezione durante l’ inverno in arrivo.

Celebrazioni celtiche nella festa di Samhain

Celebrazioni celtiche nella festa di Samhain

Halloween nella tradizione romana

Nel 43 dC, l’impero romano aveva conquistato la maggior parte del territorio celtico. Nel corso dei quattrocento anni in cui governarono queste terre, due feste di origine romana furono combinate con la tradizionale festa di Samhain.
La prima è stata Feralia, un giorno alla fine di ottobre, quando i Romani tradizionalmente commemoravano il passaggio dei morti.
La seconda era la giornata per onorare Pomona, la dea romana dei frutti e degli alberi. Il simbolo di Pomona è la mela e l’incorporazione di questa celebrazione in Samhain probabilmente spiega la tradizione del “bobbing”, la pesca delle mele con la bocca che viene praticata oggi per Halloween.

Il 13 maggio del 609 dC, Papa Bonifacio IV dedicò il Pantheon di Roma in onore di tutti i martiri cristiani, e venne istituita la festa cattolica di Tutti i Martiri nella chiesa occidentale.
Papa Gregorio III (731-741), in seguito, ampliò la festa a tutti i santi così come tutti martiri, e trasferì l’osservanza dal 13 maggio al 1 ° novembre.
Con il 9 ° secolo l’influenza del cristianesimo si era diffusa nelle terre celtiche, dove a poco a poco soppiantò i vecchi riti indigeni.
Nel 1000, la chiesa avrebbe fatto del 2 novembre il Giorno dei morti, un giorno per onorare i cari trapassati a miglior vita.

halloween

Le raffigurazioni di Pompona, della festa di Feralia e del “bobbing”

Il Giorno dei Morti si celebrava in modo simile a Samhain, con grandi falò, sfilate, e travestimenti da santi, angeli e diavoli. Il giorno di Ognissanti era chiamato anche All-hallows o All-hallowsmas (il moderno All Saints) e la notte prima di esso, la tradizionale notte di Samhain nella religione celtica, cominciò ad essere chiamata All-hallows Eve (la notte prima di All-hallows, abbreviazione di All-hallows Evening) e, infine, Halloween.

Halloween e America: tradizioni e superstizioni

Nella seconda metà del XIX secolo, l’America fu inondata di nuovi immigrati.
Questi erano in particolare i milioni di irlandesi in fuga dalla carestia delle patate del 1846, che contribuirono a diffondere la celebrazione di Halloween a livello nazionale.
Prendendo spunto dalle tradizioni irlandesi e inglesi, gli americani cominciarono a vestirsi in costume e andare di casa in casa per chiedere cibo o denaro.
Una pratica che oggi è diventata il tradizionale “trick-or-treat” (dolcetto o scherzetto).
Le giovani donne credevano che la notte di Halloween potesse rivelare il nome o l’aspetto del loro futuro marito: così realizzavano addobbi con filati, ritagli di mela e specchi.

Raffigurazioni dei riti delle donne nella notte di Samhain/Halloween

Raffigurazioni dei riti delle donne nella notte di Samhain/Halloween

Al volgere del secolo, la festa di Halloween è diventata il modo più comune per bambini e genitori di celebrare la serata.
Per questo ha iniziato a perdere gran parte delle sue sfumature superstiziose e religiose a partire dal XX secolo.
Oggi, in America si spende una cifra stimata di 6.000 milioni di dollari ogni anno il giorno di Halloween, la seconda festa commerciale più grande del Paese.

Dolcetto o scherzetto?

La tradizione americana di Halloween “trick-or-treat” risale probabilmente alle parate del Giorno dei morti in Inghilterra.
Durante i festeggiamenti, i cittadini poveri mendicavano il cibo alle famiglie benestanti, che davan loro dolci chiamati “dolci dell’anima” in cambio della promessa di pregare per i parenti defunti.
La pratica è stata ripresa dai bambini che visitano le case nel loro quartiere per chiedere cibo e denaro.

L'usanza di Dolcetto o Scherzetto tanto amata da bambini e non

L’usanza di Dolcetto o Scherzetto tanto amata da bambini e non

La tradizione di vestirsi in costume per Halloween ha entrambe radici europee e celtiche. Centinaia di anni fa, l’inverno era un tempo incerto e spaventoso.
Le forniture alimentari spesso erano poche. Inoltre, per le persone che temevano il buio, i giorni brevi invernali erano pieni di preoccupazione.

Il giorno di Halloween si credeva che i fantasmi tornassero nel mondo terreno.
La gente pensava di incontrare gli spettri una volta uscita di casa.
Per evitare di essere riconosciute, le persone indossavano delle maschere, in modo tale che i fantasmi scambiassero loro stessi per altri spiriti.

Le star travestite per Halloween: Christina Aguilera, Paris Hilton e Hilary Duff

Le star travestite per Halloween: Christina Aguilera, Paris Hilton e Hilary Duff

La leggenda di “Stingy Jack”

Da secoli la gente crea zucche chiamate Jack o’Lantern nella notte di Halloween.

La pratica ha avuto origine dalla leggenda irlandese di un uomo soprannominato “Stingy Jack.”
Secondo la storia,l’uomo invitò il Diavolo a bere con lui.
Fedele al suo nome (stingy vuol dire “avaro”), Stingy Jack non volle pagare il suo drink.
Così convinse il Diavolo a trasformarsi in moneta che Jack avrebbe potuto usare per pagare le loro bevande.
Una volta che il diavolo si trasformò, tuttavia, decise di tenersi il soldino.

Se lo mise in tasca vicino ad una croce d’argento, impedendo al Diavolo di tornare alla sua forma originale.

Jack alla fine liberò il Diavolo, a due condizioni.
Lo avrebbe lasciato in pace per un anno e, in caso di morte, non avrebbe reclamato la sua anima.

L’anno successivo, ancora una volta Jack ingannò il Diavolo.
La sfida era un’arrampicata su di un albero per prendere un pezzo di frutta.
Mentre era sulla cima, Jack scolpì il segno della croce nella corteccia in modo che il Diavolo non poté scendere.
Lo liberò a patto di non disturbarlo per altri dieci anni.

La leggenda di Stingy Jack

La leggenda di Stingy Jack

Poco dopo, Jack morì.
Come racconta la leggenda, Dio non permise ad una figura sgradevole come lui di salire in cielo.
Il Diavolo, però, era indispettito dal trucco di Jack.
Così, per mantenere fede alla parola data di non reclamare la sua anima, non gli aprì le porte dell’inferno.
Lo mandò nella notte buia con solo un carbone ardente per illuminare il suo cammino.

Jack mise il carbone in una rapa intagliata e da allora gira per il mondo.
Halloween è il giorno in cui vaga di casa in casa per trovare riparo.
L’Irlanda ha iniziato a fare riferimento a questa figura spettrale come “Jack della Lanterna”, e poi, semplicemente “Jack O’Lantern”.

Stingy Jack nellimmaginario comune

Stingy Jack nellimmaginario comune

Jack O’Lantern diventa una zucca

In Irlanda e in Scozia, la gente ha cominciato a fare le proprie versioni di Jack O’Lantern scolpendo volti spaventosi in rape o patate, mettendoli fuori dalle finestre o vicino alle porte per spaventare Stingy Jack e gli altri spiriti maligni erranti. In Inghilterra, venivano utilizzate barbabietole di grandi dimensioni.
Gli immigrati provenienti da questi paesi hanno portato la tradizione di Jack O’Lantern con loro quando giunsero negli Stati Uniti.
Scoprirono ben presto che le zucche, frutto nativo dell’America, ne regalavano una versione perfetta.

Jack O' Lantern e l'arte della zucca

Jack O’ Lantern e l’arte della zucca

Che ci crediate o no, almeno oggi, evitiamo di rompere specchi, di passare sotto le scale o di spargere sale.