attualita

Alternanza scuola-lavoro: a Milano pagliacci killer e studenti contro McDonald’s

mcdonaldROMA – Parrucche da pagliaccio, fumogeni, striscioni (con disegnato un pagliaccio killer), slogan e sacchetti “per il cibo spazzatura”. Si è conclusa da poco l’occupazione pacifica di un gruppo di studenti al McDonald’s di piazza Duomo a Milano. Un centinaio di manifestanti appartenenti al Coordinamento dei collettivi studenteschi, hanno protestato contro la misura dell’alternanza scuola-lavoro contenuta nella legge su la Buona scuola, che prevede tirocini in multinazionali come Eni, Zara, General Electric e, appunto, il colosso americano di fast food.

La voce degli studenti

“L’alternanza scuola-lavoro- ha detto all’agenzia Dire Jasmine del Coordinamento dei collettivi studenteschi- è un vero e proprio ricatto verso gli studenti. O accettiamo le misure proposte o rischiamo la bocciatura. Ma noi non ci stiamo, noi vogliamo essere liberi di scegliere di formarci culturalmente in modo diverso, in classe, seguendo le lezioni. Non ci interessa essere sfruttati in un lavoro non retribuito, in aziende – come il McDonald’s – che non rispetta i dipendenti, l’ambiente, gli animali e la salute delle persone”.

Protesta senza tensioni mcdonalds_2

La protesta, dopo un sit-in all’esterno dell’esercizio commerciale, si è spostata all’interno dove gli studenti hanno improvvisato, con parrucche da pagliaccio che richiamano la mascotte della multinazionale, un mini-corteo tra i tavoli. Il tutto, comunque, si è svolto senza tensioni e disordini. “L’entusiasmo con cui le aziende hanno risposto a questa misura è comprensibile- spiega ancora Jasmina- prendiamo la General Electric. Ultimamente ha licenziato centinaia di dipendenti, e qual è il problema quando ci sono pronti a sostituirli migliaia di studenti non pagati…?”.