fotogallery

MARTE, la serie evento debutta su National Geographic Channel

Il 15 novembre si parte per MARTE: al via su National Geographic Channel la nuova mini-serie diretta da Ron Howard

ROMA – “La più grande avventura di sempre nella storia dell’uomo”.
MARTE è la nuova miniserie evento di National Geographic Channel che trasporterà i telespettatori direttamente nell’anno 2033, alla vigilia della prima missione dell’uomo sul pianeta rosso.
A metà tra un documentario (grazie alle testimonianze delle menti più brillanti della scienza) e un film (con ricostruzioni fedeli e precise di una perfetta missione spaziale), MARTE ci racconta come sarà finalmente possibile replicare lo sbarco dell’uomo sulla Luna sul pianeta rosso, grazie a una nuova colonia spaziale ecosostenibile.

La partenza per MARTE è programmata per il 15 Novembre alle 20.55 solo su National Geographic Channel.

marte su national geographic channelMARTE, la serie evento dal 15 novembre su National Geographic Channel

Siamo nel 2033.
La prima missione umana con equipaggio su Marte sta per diventare realtà.
L’orologio scandisce gli ultimi 90 secondi del countdownallo sbarco e l’esperto team di astronauti vive con ansia questi ultimi tormentati momenti che li separano dal toccare trra sul pianeta rosso.
Nonostante abbia avuto il miglior addestramento e abbia le migliori risorse disponibili, l’equipaggio della navicella Daedalus dovrà spingersi sull’orlo delle capacità umane per riuscire a creare con successo la prima colonia ecosotenibile su Marte.

La serie MARTE è ambientata sia nel futuro che nel presente.
Utilizza le caratteristiche tipiche dei film per raccontare il futuro, unendo insieme gli elementi del docuverità per raccontare il presente.

Ed è attraverso le interviste delle menti più brillanti e innovative della scienza moderna che la miniserie ci rivela come la ricerca e lo sviluppo stiano creando la tecnologia spaziale che renderà possibile il nostro pimo tentativo di missione su Marte.

marte serieMARTE, il cast

Una coalizione internazionale dei migliori scienziati della Terra sta viaggiando verso Marte per dare inizio a una nuova era della scienza interplanetaria.
I membri dell’equipaggio sono stati selezionati per questa storica missione sulla base delle loro incomparabili competenze in settori essenziali per il successo del progetto.

Ben Cotton interpreta Ben Sawyer, comandante della missione e ingegnere dei sistemi. Ha interpretato ruoli ricorrenti in varie serie televisive, inclusi “The 100” e “The Killing”.

Anamaria Marinca interpreta l’esobiologa e geologa russa Marta Kamen. Marinca ha appena finito di girare “Ghost in the Shell” con Scarlett Johansson, film diretto da Rupert Sanders.

Alberto Ammann interpreta Javier Delgado, idrologo e geochimico spagnolo. Sta attualmente terminando le riprese della seconda stagione di “Narcos”, serie di Netflix, in cui interpreta Pacho Herrera.

Con MARTE Jihae, musicista e filantropa, fa il suo debutto da attrice, interpretando il doppio ruolo di Hana e Joon Seung, gemelle coreano-americane. Hana è pilota e ingegnere del software nella prima missione con equipaggio su Marte, mentre sua sorella Joon è capsule communicator, cioè il radiofonista che tiene in contatto gli astronauti con la terra.

Clementine Poidatz interpreta Amelie Durand, fisica e biochimica francese della missione. Ha recitato anche in “Marie Antoinette”, “Shut In” e “Vendeur” di Sofia Coppola.

Sammi Rotibi interpreta l’ingegnere meccanico e di robotica Robert Foucault, nigeriano. Originiario della Nigeria, Rotibi è celebre per il suo ruolo di schiavo ribelle nel film “Django Unchained” di Quentin Tarantino.