libri

Fumetti sotto l’albero, un regalo che mette tutti d’accordo

ROMA – C’è sempre spazio, in queste ore che precedono il Natale, per qualche altro regalo da fare. E non necessariamente per gli altri. Si può anche pensare a se stessi e concedersi un piccolo “pensierino” fuori programma. Come un fumetto ad esempio. Della casa editrice Dentiblù, specializzata in letteratura umoristica, ecco gli albi per tutti i gusti, anche per chi solitamente non è un lettore di comics.

Gatti, gatti e ancora gatti

Ad esempio, dovete fare un regalo ad un amante dei gatti? La saga Kill the Granny 2.0, ideata e realizzata da Francesca Mengozzi e Giovanni Marcora, è perfetta per voi! Il primo volume, “Finché morte non li separi”, si apre con la firma di un accordo tra un gatto che è stato castrato e Satana, per riavere indietro ciò che gli è stato tolto, in cambio dell’anima della sua anziana padrona Evelina. Il felino cercherà di uccidere la vecchia nei modi più assurdi e divertenti, dalla posta al supermercato. Peccato, però, che crepi sempre lui, mentre le sue proverbiali nove vite si vanno via via consumando… Nel secondo volume, “Tra i due litiganti il terzo muore”, ritroviamo Evelina, che al termine del primo volume era stata trasformata in gatto da Satana. Ora la vedremo ricercare una seconda possibilità con il marito, ma dovrà vedersela con un imprevisto terzo incomodo: l’attempata ma attraente signora della porta accanto. Un nuovo gatto per una nuova vecchia da uccidere, per la gioia di Satana. Ma si sa, le nonne di Kill the Granny hanno una pellaccia dura…

Dal cinema alle “strisce” spazio a Zannablù

Se, invece, cercate qualcosa di divertente e originale per un appassionato di cinema, Zannablù è la soluzione ideale! Protagonista di numerose parodie in chiave suina di film e telefilm firmate da Stefano Bonfanti e Barbara Barbieri, il goffo cinghiale dalle zanne cerulee è ora protagonista di “Stranger Pigs”. Ad essere finito nel mirino delle parodie dei due autori è la serie Netflix Stranger Things. La storia si apre con Zannablù babysitter del piccolo Giacomino. Il giorno seguente, il bambino è misteriosamente scomparso e il cinghiale inizia una rocambolesca ricerca a cavallo fra due dimensioni, e scopre che dietro tutto questo ci sono l’emittente televisiva Fininset e il suo patron Berto Silviusconi. Zannablù dovrà, inoltre, vedersela con dei pericolosi Porkémon mannari sfuggiti a un esperimento scientifico. Riuscirà a salvare la pelle e a riportare a casa il piccolo Giacomino? Videogame e cinema si fondono in un’altra divertente parodia,

Il fumetto che invade i videogame

“Grassassin’s Pig”, sulla falsariga di Assassin’s Creed. Zannablù è un semplice lavapiatti in una storica trattoria fiorentina pluristellata, quando si scopre il segreto dei suoi apprezzatissimi piatti. Un segreto antichissimo su cui anche altri vogliono mettere le mani. Il Malanimus, ipertecnologico congegno, servirà a impadronirsi dell’ambito segreto sin dalle origini, riportando indietro nel tempo lo zannuto protagonista. Chiamato – o meglio, costretto – a ripercorrere i ricordi del suo predecessore rinascimentale Ozio Auditonto, svolgerà la sua missione vedendo affiorare in sé le micidiali doti che appartengono alla stirpe dei Grassassini. Le sue prodezze saranno ovviamente controbilanciate dall’innata sbadataggine e dal fatto che tutti, nessuno escluso, sono matti da legare…

Quando l’amore non conosce confini

Non possono mancare i consigli per chi è appassionato del mondo dei fumetti! È da poco disponibile “Nel nome del padre”, l’attesissimo seguito della trilogia Sacro/Profano di Mirka Andolfo. Nel corso dei primi tre capitoli, Inferno – Purgatorio – Paradiso, Angelina, bellissimo e sensuale angelo, e Damiano, diavolaccio sfigato e rachitico, si sono innamorati e sposati, dando alla luce la loro prima figlia, Eden. In questo nuovo albo, oltre a gustarci Damiano alle prese con la paternità, si getterà una luce sulla misteriosa figura del padre della nostra angelica eroina.

Fumetto e parodia, un connubio irresistibile

Sempre tra le novità della casa editrice, troviamo il quarto capitolo di Deficients & Dragons, “La Maledizione della Ciurma Maledetta”, di Emanuele Tonini. Un’elfa scura, un sedicente stregone coboldo e un cucciolo di drago su una nave diretta verso le Isole del Caldo Afoso dovranno vedersela con un avido comandante trafficante di schiavi, una ciurma di puzzolenti e pirateschi uomini pesce, sirene, kraken e un vecchio oracolo bavoso. La ciurma maledetta è stata, infatti, condannata da un incantesimo ad assumere le viscide sembianze di crudeli uomini pesce. L’unica via di scampo è chiedere all’oracolo un contro incantesimo, ma l’oracolo muore prima di pronunciarsi…

Anche a Natale c’è spazio per il gotico

Infine, per gli amanti dell’urban gothic, il terzo capitolo di Hadez “Un, due, tre… Strega”, di Ilaria Catalani e Silvia Tidei. Protagonista è ancora Hadez, malefico e dispettoso spiritello, che i due amici Ike e Kurt risvegliarono casualmente nel primo volume. Lo spiritello continuerà a sconvolgere le vite dei due giovani, tra improbabili incantesimi e malocchi. Certo, non tutto il male viene per nuocere, ma liberarsi dei suoi aspetti negativi è diventato prioritario. Kurt si sta perdendo in questo mondo occulto, e sarà compito dei suoi amici tirarlo fuori dalla voragine. Riuscirà Ike, con l’aiuto di Hadez nell’intento? O, come sempre, lo spiritello non farà altro che peggiorare la situazione?