music and future

Ciarz, la sua determinazione prende corpo in Affunk

CiarzROMA – Determinazione. È di sicuro questa la dote che più contraddistingue Moussavou Ngoma Jean François, in arte Ciarz. Trent’anni, romano di Palestrina, il cantautore e rapper è al suo secondo album anche se, forse, è più giusto parlare di disco d’esordio. “Affunk”, questo il titolo dell’album, segue, infatti, un primo lavoro pubblicato con la firma di Frank D. Un nome “scelto solo perché mi piaceva”, confessa Jean François a Diregiovani. Ciarz è la nuova pelle del cantautore, una veste che ha scelto con consapevolezza e determinazione, appunto.

Ciarz il suo Affunk e il crowdfunding

Affunk, disponibile dal 16 gennaio su etichetta BandBackers, è nato anche grazie ad una campagna di crowdfunding e la scelta di questa possibilità non è casuale. Per Ciarz è importante che il pubblico finanzi ciò che ritiene valido sottraendo “potere” alle etichette musicali e alle semplicistiche regole dello show business.

Ciarz, musica senza etichette

Affunk è un gioco di parole con il termine “Funk”, ma nonostante il titolo possa trarre in inganno, i generi musicaliCiarz si succedono rapidamente da un brano all’altro a dimostrazione delle numerose influenze alla base del progetto. I brani sono slegati tra loro perché ogni traccia rappresenta uno stato d’animo del rapper cantautore. Sensazioni e sentimenti espressi in note e parole dove è facile ritrovarsi e riconoscersi come guardandosi allo specchio. Da madre Capoverdiana e padre Gabonese, Ciarz racconta, nelle sue canzoni, le difficoltà di una generazione, quella dei giovani italiani, che stenta a trovare nella società una sua giusta collocazione.