fotogallery

In Bangladesh il primo caso al mondo di bambina-albero

bambina-albero-Sahana-KhatunROMA – E’ in Bangladesh il primo caso al mondo di bambina-albero.
Sahana Khatun, 10 anni, è affetta dalla sindrome dell’uomo-albero (epidermodisplasia verruciforme), una condizione genetica rarissima individuata fino ad oggi solo negli uomini.
La bambina ha sviluppato la malattia 8 anni fa, quando suo padre notò alcune eruzioni cutanee sul viso.
Solo qualche mese fa sono iniziate a spuntare le escrescenze “corteccia”.

Sahana Khatun, la prima bambina-albero

Sahana Khatun è stata portata al Dhaka Medical College Hospital il 30 gennaio, con evidenti e inusuali escrescenze sul viso.
Condilomi simili a corteccia le sono cresciuti sul mento, naso e orecchie.
I sintomi sembrano tutti condurre ad una sola diagnosi: la sindrome dell’uomo-albero.

“Non sappiamo ancora se si tratti al cento per cento del caso di ‘uomo albero’, ma è sicuramente una varietà di epidermodisplasia verruciforme, malattia che provoca disturbi della pelle molto insoliti”, ha spiegato alla CNN il Dott Samanta Lal Sen, capo chirurgo plastico dell’ospedale.

Al momento, Sahana si sta sottoponendo a diversi test per confermare se effettivamente ha la sindrome dell’uomo-albero.
I medici hanno in programma di operare e rimuovere le escrescenze di Sahana già la prossima settimana.

sindrome dell'uomo alberoLa sindrome dell’uomo-albero

La sindrome dell’uomo-albero, il cui nome scientifico è epidermodisplasia verruciforme (o displasia di Lewandowsky-Lutz ) è una rarissima malattia ereditaria, causata da un difetto del sistema immunitario che aumenta la suscettibilità della pelle al Virus del papilloma umano (HPV), o papillomavirus.

Le infezioni non controllate da HPV hanno come risultato la crescita di macule e papule squamose, in particolare sulle mani e sui piedi.
E’ tipicamente associata con i tipi di HPV 5 e 8, che si trovano in circa l’80% della popolazione normale come infezioni asintomatiche, anche se possono contribuire altri tipi di HPV.

Ci sono stati solo pochissimi casi segnalati in tutto il mondo.
I portatori della condizione hanno più probabilità di sviluppare tumori maligni della pelle.

I pazienti presentano macchie rosso-marrone sul viso, collo e corpo, leggermente squamose, o lesioni papillomatose simili a verruche.
La prima forma di EV presenta solo lesioni piatte simili a verruche sul corpo, mentre la forma maligna mostra un tasso più elevato di lesioni cutanee polimorfe e lo sviluppo di molteplici tumori cutanei.

sindrome uomo alberoI casi di uomo-albero nel mondo

Nel marzo 2007, a un uomo romeno di nome Ion Toader è stata diagnosticata questa condizione.
Ha subito un intervento chirurgico alla fine del 2013, e da allora è stato per lo più senza sintomi, con solo piccole riapparizioni.
Il suo caso non era progressivo, ma non è sempre così.
Nel novembre 2007, ad esempio, ha fatto il giro del mondo il video di un 34enne indonesiano di nome Dede Koswara, con la setssa condizione.
La sua storia è stata anche raccontata da Discovery Channel in “My Shocking Story” nell’episodio “Half Man-Half Tree”.

Il 26 agosto del 2008, Dede è tornato a casa dopo l’intervento chirurgico per rimuovere 6 kg di verruche dal suo corpo.
In tutto, il 96% delle verruche sono state rimosse.

Tuttavia, Dede ha subito il primo di una serie di nuovi interventi chirurgici per rimuovere le verruche ricresciute nella primavera del 2011.
A differenza di Toader, dunque, nel suo caso la chirurgia si è dimostrata solo una soluzione temporanea.

Dede Koswara è morto il 30 gennaio 2016 a causa delle complicazioni legate alla sua condizione.

Nel mese di gennaio 2016, un paziente di 25 anni di nome Abul Bajandar da Khulna, in Bangladesh, è stato ammesso al Dhaka Medical College Hospital.
Qui gli è stata diagnosticata la sindrome.
I medici dell’ospedale deciso di formare una commissione medica per il trattamento del paziente.
Nel corso dell’anno seguente, Bajandar ha subito almeno 16 interventi chirurgici per la rimozione di oltre 5kg di verruche, da mani, piedi e gambe. [Fonte: Wikipedia]