spettacolo

David Beckham vittima degli hacker. Reputazione in calo dopo lo scandalo delle email

ROMA – E’ una vicenda piena di ombre quella in cui è stato coinvolto David Beckam. Il calciatore di fama mondiale è finito nel mirino degli hacker che, dopo averlo ricattato invano, hanno deciso di ‘vendicarsi’ pubblicando le sue email private.

Reputazione in calo per Beckham

La corrispondenza tra Beckham e la sua addetta alle pubbliche relazioni, è così finita tra le pagine del sito Football Leaks, distruggendo in poco tempo la reputazione del campione mondiale. Sì, perchè negli scritti, quello che emerge è un personaggio senza scrupoli, pronto a sfruttare la beneficenza solo per ricevere il titolo di ‘sir’, molto più prestigioso di quello ottenuto come “Officer of The Order of The British Empire”. A quanto pare infatti, nonostante avesse sponsorizzato il fondo di aiuti umanitari ‘7 Fund’, Beckham non avrebbe versato una sterlina in favore dell’iniziativa. Ma non è tutto. Il campione, avrebbe anche preteso un rimbroso di seimila sterline per la sua sponsorizzazione per l’Unicef.

Email alterate?

Un bel guaio per lo sportivo, le cui mail, secondo un portavoce, sarebbero state “rubate e alterate” per “una deliberata cattiva immagine” di Beckham. Vere o no, le mail ormai sono finite nel mare di internet e difficilmente sarà possibile smentirle.

Il ricatto da un milione di sterline

Secondo una fonte ascoltata dal Mirror: “È stata un’estorsione bella e buona”. L’hacker, che si è firmato Artem Lovuzov, avrebbe chiesto una somma compresa tra le 500mila e il milione di sterline per evitare la pubblicazione degli scritti ma la risposta è stata negativa.

Per Beckham l’affetto dei famigliari

Veritiere o meno, le email hanno fornito al pubblico una nuova immagine del calciatore dedito alla beneficenza. Da qui lo sforzo dei famigliari del calcitore di risollevargli la reputazione: il figlio Brooklyn ad esempio,  ha pubblicato sul suo profilo social un’immagine del padre che abbraccia teneramente la figlia Harper. Diverso invece, l’approccio della moglie Victoria che si è ‘sacrificata’ cercando di attirare su di sé le attenzioni dei media sfoggiando gli abiti della sua linea di moda.