spettacolo

Kasabian: gli appuntamenti in Italia diventano quattro

Roma – I Kasabian avevano annunciato a dicembre un nuovo tour europeo che li vedeva in Italia per tre imperdibili concerti. Presente al sud e al centro ma troppo lontana dal nord, la band di Sergio Pizzorno che fonde rock ed elettronica ha annunciato un concerto a Piazzola sul Brenta il 22 luglio e confermato gli altri appuntamenti in calendario: al teatro antico di Taormina il 19 luglio, al PostePay Sound Rock in Roma a Capannelle il 21 luglio e il 23 al Lucca Summer Festival. Assenti dalle scene discografiche dal 2014, i Kasabian hanno scalato le classifiche di tutto il mondo già dal loro primo disco di debutto nel 2004. Il gruppo di Leicester, a seguito del travolgente successo che li ha lanciati nel panorama rock a livello planetario, torna nel 2017 con un nuovo tour per presentare dal vivo l’ultimo e attesissimo lavoro discografico che uscirà in primavera dopo tre anni d’attesa dall’ultimo album “48:13”, disco che ha celebrato i 10anni di carriera e che li ha consacrati nell’olimpo del rock britannico che conta. «Un lavoro che ci riporterà alle radici» ha detto Pizzorno a proposito del nuovo album; «Non assomiglia per niente a 48:13, nessun interlude o cose del genere!» ha aggiunto Tom Meighan a Q Magazine. In attesa che la band sveli qualche dettaglio in più riguardo al disco, al momento bisogna accontentarsi del tour, i biglietti saranno a breve in vendita sul circuito ticketone

I Kasabian sono nati nel 1997 a Leicester. Fanno parte del gruppo, sin dagli esordi, il cantante Tom Meighan, il chitarrista e paroliere Sergio Pizzorno e il bassista Chris Edwards, mentre dal 2005 è membro ufficiale della band anche il batterista Ian Matthews. Dagli inizi fino al 2006 ha fatto parte della band anche il polistrumentista e paroliere Christopher Karloff.

Il loro primo disco, omonimo, esce nel 2004, ottenendo un buon successo di pubblico e critica che porta la band in tour in tutta Europa, dove il loro stile a metà tra il rock anni sessanta/settanta e l’elettronica da rave party fa di loro una delle principali band emergenti di quell’anno. Il loro secondo album, Empire, esce nel 2006 e segna una svolta verso sonorità più alla moda, anche se l’influenza di gruppi come i Led Zeppelin risulta evidente, specialmente in canzoni come il singolo Shoot the Runner. Nel 2009 la band pubblica il più sperimentale e acustico West Ryder Pauper Lunatic Asylum, trascinato dal singolo di successo Fire. Nel 2011 viene pubblicato il quarto album Velociraptor! con il quale la band ottiene un discreto successo anche al di fuori del Regno Unito. Nel 2014 viene pubblicato il quinto album in studio 48:13.

La band può vantare il record di 9 nomination ottenute in una sola edizione degli NME Awards e una serie di quattro album di inediti di fila al primo posto nella UK Albums Chart.