fotogallery

Con “Il Diario degli Errori” Michele Bravi svela le sue “Anime di Carta”

il diario degli errori michele braviROMA – Il battesimo sanremese di Michele Bravi non poteva andare meglio di così.
Il giovane 22enne debutta alla 67esima edizione del Festival di Sanremo con “Il Diario degli Errori”.
E sorprende.
Nonostante la giovane età, Michele domina il palco, controlla la voce, interpreta un brano emozionale ed emozionante.
Con Il diario degli errori Michele Bravi rivendica il suo posto nel mondo della musica, che lo aveva messo da parte dopo il suo succsso a X-Factor.

“Mentre tutti inseguivano i propri sogni, noi ci siamo messi ad inseguire la realtà.
Abbiamo costruito, errore dopo errore, il nostro percorso e oggi siamo diventati ‘Anime di Carta’ 🌃 ✨”

Michele si esibirà nella serata delle cover con il brano di Franco Battiato “La stagione dell’amore” del 1983.

Clicca qui per rivedere l’esibizione di Michele Bravi con “Il diario degli errori”

Il Diario degli Errori
Michele Bravi
TESTO – VIDEO

Ho lasciato troppi segni
Sulla pelle già strappata
Non c’è niente che si insegni prima
Che non l’hai provata
Sono andato sempre dritto come un treno
Ho cercato nel conflitto
La parvenza di un sentiero
Ho sempre fatto tutto in un modo solo mio
E non ho mai detto resta se potevo dire addio
Poche volte ho dato ascolto a chi dovevo dare retta
Ma non ne ho tenuto conto
Ho sempre avuto troppa fretta

Almeno tu rimani fuori
Dal mio diario degli errori
Da tutte le mie contraddizioni
Da tutti i torti e le ragioni
Dalle paure che convivono con me
Dalle parole di un discorso inutile
Almeno tu rimani fuori
Dal mio diario degli errori

Ho giocato con il fuoco
E qualcuna l’ho anche vinta
Ma ci è mancato poco
Mi giocassi anche la vita
Ho lasciato troppe volte
La mia impronta sopra il letto
Senza preoccuparmi troppo
Di cosa prima avevo detto
Ho guardato nell’abisso di un mattino senza alba
Senza avere un punto fisso
O qualcuno che ti salva

Almeno tu rimani fuori
Dal mio diario degli errori
Da tutte le mie contraddizioni
Da tutte le mie imperfezioni
Dalle paure che convivono con me
Dalle parole di un discorso inutile
Almeno tu rimani fuori
Dal mio diario degli errori
Almeno tu
Almeno tu
Almeno tu rimani fuori
Dal mio diario degli errori