fotogallery

L’Universo di Francesco Guasti in finale a Sanremo 2017

FRANCESCO GUASTI in finale alla 67^ edizione del Festival di Sanremo nelle nuove proposte, con il brano UNIVERSO scritto dallo stesso Guasti con Francesco Ciccotti e Maurizio Musumeci.

Universo
Francesco Guasti
TESTO

Siamo fatti per avere sogni

più grandi delle nostre vite
per amare, sorridere in giorni
messi alla prova da nuovi sfide

Siamo fatti per essere folli
complicarci la vita ci piace
progettiamo partenze e ritorni
senza uscire dalla nostre case

Siamo amanti dai cuori zingari
beviamo del vino invecchiato
con la speranza di essere liberi
sotto questo cielo stellato

Con la musica canto speranze
il futuro è di chi se lo prende
oggi ho messo un bel paio di scarpe
e sono andato incontro il mio presente

Sono stato da entrambe le parti
consapevole ed incosciente
la natura dell’uomo ha i suoi vizi
e con gli errori si crescerà sempre

In questo universo
arriverò presto
il mondo comincia adesso
adesso

In questo universo
poi perdere il senso
ma tutto riparte lo stesso
lo stesso

Possiamo perderci nell’universo
senza più limiti ma quel che hai dentro
sputi sentenze affilate come lame
che tagliano soltanto chi si sporca per difendersi

Possiamo esistere
senza ricordo
ma siamo anime
che vanno a fondo

E fino a quando
non schiacciano le suole
guardiamo chi è caduto
attorno a noi

Cosi Francesco racconta il “suo” universo:

universo francesco guasti“Non c’ è più speranza, ci dicono, siete vecchi per sognare, ripetono altri. Per i trentenni di oggi non e’ facile trovare lavoro, non è semplice trovare spazio in questa società, nonostante tutto non si deve mollare. Io non l’ho fatto ed è la mia esperienza che metto a nudo e con la musica, canto speranze. ‘Universo’ è un crescendo di incoraggiamento: parte dalle nostre aspirazioni, passa dalle cadute e dai limiti che ci pone la paura e conclude con la vittoria di chi ha compreso la propria forza . ‘Il futuro e’ di chi se lo prende’, dico, di chi trasforma le difficoltà in opportunità e va avanti per la propria strada, una strada fatta del sogno che abbiamo dentro.

Per far arrivare il messaggio ho scelto di usare la metafora di un paio di scarpe: quando si è incontrato un ostacolo, cambiare atteggiamento (ho indossato un bel paio di scarpe e sono andato incontro al mio presente) verso ciò che ci circonda e riportare la mente al presente, ci aiuta a incamminarci verso i nostri obiettivi, senza farsi distrarre dal giudizio verso gli altri (fino a quando non ci schiacciano la suola, guardiamo chi è caduto intorno a noi). Penso che la mia generazione debba andare incontro al futuro fiera e consapevole ma soprattutto debba sempre avere un grande sogno a portata di pensiero e… tenerlo stretto al presente”