Adele rompe il Grammy tra le lacrime e ne dà metà a Beyoncé

Adele rompe il suo Grammy e ne dà metà a Beyoncé

“Non posso assolutamente accettare questo premio”.
Con queste parole Adele spiazza tutti alla notte dei Grammy Awards.
La cantante britannica con il suo “25” si è aggiudicata il titolo di miglior album dell’anno, soffiando la vittoria a Justin Bieber (“Purpose”), Drake (“Views”), Sturgill Simpson (A Sailor’s Guide to Earth) e Beyoncé (Lemonade).
E proprio a quest’ultima va una lunga dedica commossa sul palco, fino al momento clou di tutta la serata, quando Adele rompe il Grammy per dividerlo a metà con la collega.

Il discorso di Adele ai Grammy

“Vi ringrazio tutti dal profondo del mio cuore.

Cinque anni fa, l’ultima volta che sono stata qui, ero incinta e non lo sapevo. Poco dopo ho scoperto che sarebbe stata la più grande benedizione della mia vita. E nella mia gravidanza, diventando  madre, ho perso molto di me stessa. Ho lottato e faccio ancora fatica ad essere una mamma. È molto difficile. Ma la vittoria di stasera completa il cerchio.

Ma non posso assolutamente accettare questo premio, ve ne sono molto grata, ma la mia vita è Beyonce, e l’album “Lemonade” è così monumentale, così ben pensato.
E’ così bello, abbiamo avuto modo di vedere un altro lato di te che non sempre vediamo, e lo apprezziamo tantissimo. Tutti noi ti adoriam. Sei la nostra luce. E il modo in cui fai sentire me e i miei amici di colore è potente, fai venire voglia di alzarci in piedi. Ti amo, ti ho sempre amata e ti amerò sempre”.

Adele rompe il Grammy

Detto fatto.
Dopo il bellissimo discorso, Adele rompe il suo Grammy e ne cede la metà a Beyoncé.

“Il mio album dell’anno è ‘Lemonade’, un pezzo di me è morta dentro, come fan di Beyoncé, non mento – ha rivelato la cantante – Facevo il tifo per lei, ho votato per lei. Sentivo che fosse arrivato il suo momento. Che caxxo deve fare per vincere come miglior album dell’anno?”

adele rompe il grammy

 

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it