fotogallery

T2: Trainspotting, “tutti nudi” nella nuova clip

ROMA – Rent, Sick Boy, Spud e Begbie tornano al cinema dopo 20 anni in T2: Trainspotting, il sequel del cult anni ’90.
Danny Boyle dirige ancora Ewan McGregor, Jonny Lee Miller, Ewen Bremner e Robert Carlyle, nel secondo capitolo cinematografico liberamente ispirato al romanzo “Porno” di Irvine Welsh.
Due decenni dopo, i protagonisti sono ora ultraquarantenni, nel film come nella realtà, intrappolati nelle loro nuove vite.

T2: Trainspotting. CLIP “Tutti Nudi”

T2: Trainspotting. CLIP “Parcheggio”

t2: trainspottingT2: Trainspotting. Sinsossi

Rent, Sick Boy, Spud e Begbie si riuniscono negli anni Duemila, dopo essere sopravvissuti alle vicissitudini del primo film. Sono sopravvissuti, ma continuano a convivere con gli stessi demoni che, a lungo, li hanno perseguitati. Droga, depressione e guai con la giustizia. Questa volta, trovano un metodo “molto innovativo” per entrare a far parte del mondo della pornografia.

La versione italiana mantiene il cast di doppiatori del primo film, sebbene dopo 20 anni il timbro sia leggermente diverso.
Un punto a favore: invecchiano i protagonisti, invecchiano le voci.