attualita

Lavoro, a gennaio tasso disoccupazione stabile. Scende quello giovanile

ROMA – A gennaio il tasso di disoccupazione e’ stabile all’11,9%. Lo rileva l’Istat nella sua rilevazione trimestrale. Il lieve aumento della disoccupazione nell’ultimo mese e’ determinato dalla componente maschile (+0,4%), mentre si registra un calo per quella femminile (-0,3%).

Disoccupazione stabile

Il tasso di disoccupazione si attesta al 10,9% tra gli uomini e al 13,3% tra le donne, entrambi stabili rispetto a dicembre. Anche il calo degli inattivi tra i 15 e i 64 anni nell’ultimo mese riguarda esclusivamente gli uomini (-0,9%) a fronte di una stabilita’ tra le donne. Il tasso di inattivita’ maschile scende al 24,6% (-0,2 punti percentuali), mentre quello femminile rimane stabile al 44,4%. Nel mese di gennaio la stima degli occupati e’ in lieve crescita rispetto a dicembre (+0,1%, pari a +30 mila). Su base annua, a gennaio si conferma la tendenza all’aumento del numero di occupati (+1,0% su gennaio 2016, pari a +236 mila). La crescita riguarda sia i lavoratori dipendenti (+193 mila, di cui +136 mila a termine e +57 mila permanenti) sia gli indipendenti (+43 mila) e coinvolge entrambe le componenti di genere, concentrandosi tra gli ultracinquantenni (+367 mila) e i giovani 15-24enni (+27 mila). Nello stesso periodo crescono i disoccupati (+4,2%, pari a +126 mila) e calano gli inattivi (-3,3%, pari a -461 mila). Nel periodo novembre-gennaio si registra un aumento degli occupati rispetto al trimestre precedente (+0,2%, pari a +37 mila).

Disoccupazione giovanile in calo

A gennaio il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, cioe’ la quota di giovani disoccupati sul totale di quelli attivi (occupati e disoccupati), e’ pari al 37,9%, in calo di 1,3 punti percentuali rispetto al mese precedente.