sport

Il punto sulla Serie A: Juve di rigore, Roma e Napoli come da copione

il punto sulla serie a punto sulla coppa italiaROMA – La Juve marcia tranquilla, almeno lei. La gara contro il Milan, invece, di tranquillo non ha niente. Rigore allo scadere a parte (se può essere messo da parte), è nel complesso che il Milan si sente defraudato, anche se non più tardi di due settimane fa, al Milan non fu contestato un doppio tocco di Bacca su calcio di rigore. La morale? A volte si è incudini, altre martello. Roma e Napoli, come da copione: mentre a Napoli la polemica è ad uso esterno (De Laurentis punzecchia la Juve), a Roma pare ci sia un nuovo capitolo della saga Totti vs Spalletti. Nei nostri riassunti quanto è accaduto.

Il punto sulla Serie A: Juve all’ultimo respiro

La Juve di Allegri sbaglia una partita, non due. Dopo il passetto falso di Udine, si torna alla vittoria contro il Milan. Mezza Italia si ingegna a capire se il fallo di mano di De Sciglio fosse da punire o meno col calco di rigore? Noi preferiamo stare dalla parte di chi con la dietrologia ha poco a che fare: il braccio si frappone, l’ostacolo si crea, può starci il penalty. Massa decide in un secondo e lo giudica rigore. Si dirà che forse Massa non andava designato: era lui l’arbitro dell’andata che cincischiò sul gol-non gol di Pjanic. Forse un arbitro senza pressioni avrebbe gestito meglio il tutto.

Il punto sulla Serie A: schiena delle mie brame

La Roma torna a vincere. Passa su quelle che definire macerie del Palermo è un eufemismo. Sotto lo sguardo dell’improbabile nuovo presidente Baccaglini , i rosanero lasciano il campo alla Roma di Spalletti, che non pare squadra lucida e tantomeno serena. Al riguardo, nuova polemica Totti-Spalletti: invitato al quindici dalla fine ad entrare in campo, il numero dieci avrebbe addotto dolori alla schiena e rifiutato il cambio. Apriti cielo: con alle porte il ritorno con il Lione di meglio non si poteva chiedere.

Il punto sulla Serie A: Napoli post Real

Il Napoli post Real si riavvicina al campionato con lo stesso approccio avuto prima di respirare aria Champions. Vincere doveva e ha vinto. Torna al gol insigne, il Crotone però è poca cosa per poter impensierire Sarri e soci. Gli azzurri non devono mollare, la Roma può sempre fare qualche passo falso; la truppa del tecnico toscano dovrà in caso essere brava ad approfittarne. Alla lunga, però, il logorio può incidere. Sarà comunque un bel finale di stagione. E se contro la Juve, in Coppa Italia, si realizza la remuntada che molti ritengono possibile…

Il punto sulla Serie A: il campionato degli altri

Il derby della Lanterna numero 114 si colora di blucerchiato. E se si somma il successo dell’andata, si capisce perché Giampaolo e Muriel, la mente ed il braccio di questo trionfo, hanno scritto una pagina di storia sampdoriana: non succedeva dalla stagione 1959-1960 che la Samp trionfasse in tutte e due le partite. Preziosi, contestatissimo, non fiata. L’Inter rifila sette reti all’Atalanta: Pioli predica tranquillità e al ritorno della Dea a Bergamo, duemila tifosi festanti la accolgono nonostante il pallottoliere. Quando si dice: il mondo all’incontrario.