spettacolo

Pasqua con chi vuoi… i consigli di Babaiola sulle serie tv gay friendly da portare in vacanza

ROMA – Immedesimazione o intrattenimento: storie incredibili da godersi durante un viaggio o da portare con sé per il weekend di Pasqua.
Dai Must alle serie odierne, da quelle romanzate ai thriller, tutti i gusti sono soddisfatti…
Scorri con babaiola.com, community di viaggiatori LGBT, la lista delle 5 migliori serie tv gay friendly e parti preparato per le vacanze!

Looking

Si potrebbe definire una replica di Queer As Folk, ma in realtà grande peso sulla genesi di Looking l’ha avuto Girls, sorta di serie gemella.

Entrambe dedicate a ragazzi sulla trentina, hanno rappresentato l’esempio migliore di come si potesse raccontare la generazione che ha vissuto in pieno il periodo hipster, tra esplosione del mondo online e fatica a trovare il proprio posto nella società.

Protagonisti di Looking sono una manciata di ragazzi gay in carriera che vivono a San Francisco.

 


Will & Grace tornano nella stagione 2017-2018Will&Grace

Quattro protagonisti, di cui due omosessuali e due ambigue sotto i fumi dell’alcol.

È questa la svolta compiuta da Will & Grace, che mette in scena la vita sopra le righe di Jack (Sean Hayes), ma anche quella (fin troppo) monotona di Will (Eric McCormack), che vive con la sua migliore amica, ex moglie, Grace. È proprio dal confronto tra i due personaggi che nasce nello spettatore la consapevolezza che il personaggio gay non può e non deve essere per forza una macchietta o esagerato.

Menzione a parte per la quarta protagonista, la mitica Karen Walker, interpretata da una fantastica Megan Mullally, forse l’unico personaggio giustamente esagerato della serie.


Modern Familiy

Già dal titolo, si capisce quale voglia essere l’obiettivo della serie: raccontare un nuovo tipo di famiglia, in apparenza diverso da quello tradizionale, ma in realtà del tutto identico quando si parla di affetti.

Delle tre coppie protagoniste di Modern Family, una è omosessuale ed è interpretata da Eric Stonestreet e Jesse Tyler Ferguson.

Modern Family è una delle serie di maggior successo nella storia della televisione: basti pensare che ha vinto per 5 anni consecutivi l’Emmy come miglior comedy e detto in poche parole: fa spaccare dalle risate!


The L Word

Se Queer As Folk e Looking sono i due titoli di riferimento per il mondo gay maschile, The L Word è la serie principe per quanto riguarda il mondo lesbo, la “parola con la l” che dà il titolo alla serie.

In onda su Showtime dal 2004 al 2009, ha raccontato un mondo abitato al 100% da lesbiche, indagando problemi e ansie quotidiane nel corso delle sei stagioni.

Volto più noto della serie è Jennifer Beals, personaggio – idolo che compare vent’anni dopo il suo ruolo in Flashdance.

 


Orange is the new Black

L’omosessualità in prigione è un tema che è stato affrontato tantissime volte tra cinema e televisione, ma Orange Is The New Black è riuscita a trovare da subito un tono del tutto personale. La storia è quella di Piper, trentenne vicina al matrimonio che si trova costretta a passare un anno in prigione per una vecchia storia di traffico di stupefacenti, che risale al periodo in cui era fidanzata con una ragazza coinvolta nel narcotraffico.

È attraverso i suoi occhi che entriamo nel carcere femminile di Litchfield, dove le relazioni tra detenute sono un aspetto fondamentale della vita sociale. Puntata dopo puntata, si capisce che in fondo Piper è solo il mezzo per farci entrare nella storia, perché tutti i personaggi hanno vicende emozionanti che non possono lasciare indifferenti.

Amore&Supporto visto con gli occhi di chi si adatta e sopravvive e a volte si concede qualche lusso, Ruby Rose.