fotogallery

“Emigratis 2”, il tour dell’idiozia di Pio e Amedeo raggiunge Carlo Ancelotti in Germania

ROMA – Dopo una tappa tra i vip di Zurigo, Pio e Amedeo proseguono il tour dell’idiozia in Germania: nella quarta puntata di Emigratis 2, è Carlo Ancelotti la vittima prescelta dal duo di super-scrocconi.
Per l’allenatore del Bayern Monaco una proposta che non potrà rifiutare: “Veniamo a vedere la partita. Se vinci, ci porti ad allenare con te”.
Indovinate come è finita…
Dopo la tappa dell’Oktober Fest, il duo partorisce un’idea geniale: volare a Berlino per incontrare Angela Merkel.
E dimostrare tutte le loro deficienze culturali!

emigratisEmigratis 2, la seconda stagione ogni lunedì in seconda serata su Italia 1

Scroccando il più possibile da sportivi, vip e star, Pio e Amedeo compiono un viaggio intorno al mondo.
Otto puntate per far emergere l’italiano medio con tutti i suoi vizi e difetti.
Un format leggero dove i due ragazzi, servendosi dei personaggi incontrati e con l’impertinenza surreale che li contraddistingue, interpretano, di fatto,  l’esasperazione grottesca dell’italiano populista che fa un uso smodato di mezzucci per semplificarsi la vita e rappresentano – tra le righe – una critica scanzonata all’uomo comune.

Da Dubai a Londra, da Monaco di Baviera alla Cina passando per Singapore e la Malesia. Un travolgente vagabondare li porterà a fare gli incontri più impensabili.
Personaggi del mondo dello sport, come gli allenatori di Chelsea e Bayern Monaco Antonio Conte e Carlo Ancelotti.
I calciatori Mario Balotelli, Alessandro Del Piero e Fabio Cannavaro, ma anche Bebe Vio e Andrea Iannone.

Oltre agli sportivi, i due si sono imbattuti anche in Roberto Saviano, Paris Hilton, Rocco Siffredi, Belén Rodriguez, Maria Grazia Cucinotta e tanti altri personaggi dello spettacolo, della cultura e della politica italiana e mondiale.

La voce narrante dei loro viaggi è, come nella prima stagione, di Francesco Pannofino, attore e doppiatore, noto per aver prestato la voce ad artisti come George Clooney, Denzel Washington, Tom Hanks e Antonio Banderas.