tech

YouTube nuove norme per il Programma partner, si parte dalle 10mila visualizzazioni

YouTube nuove norme per il Programma partnerROMA – YouTube, con i suoi canali video, è l’esempio classico di come si possa diventare famosi in Rete e di come si possa guadagnare un mucchio di soldi. Dietro i guadagni, almeno fino ad oggi, non sempre però una creatività originale.

YouTube stretta sui guadagni

Sulla piattaforma video più famosa al mondo, a far gola, sono gli introiti derivanti dalla pubblicità. Ci sono quelli, come gli youtuber, che per accaparrarsi gli spot si sono inventati personaggi e filmati di ogni sorta, dai tutorial alle web serie, e ci sono quelli che, sui propri canali, si sono limitati a postare video di altri. Musicali e trailer di ogni genere, ad esempio. Un modo per attirare gli utenti e collezionare, con il minimo sforzo, visualizzazioni. Grazie al Programma partner, servizio che ha permesso a YouTube di arrivare alla posizione dominante di oggi, le visualizzazioni si sono trasformate in moneta sonante. Negli ultimi cinque anni è cresciuta la piattaforma e si sono arricchiti i furbetti della Rete. Fino ad oggi.

YouTube nuove norme per il Programma partner

Google, da oggi, però, cambie le regole del Programma. La pubblicità sarà ospitata solo su quei canali che avranno raggiunto, in totale, le 10mila visualizzazioni. Chi resta sotto la soglia non avrà alcuno spot da mostrare. Superato il tetto, prima di ottenere la pubblicità, la propria attività sarà vagliata da un team di esperti. Ad essere premiati, solo quelli che dimostreranno di apportare al canale contenuti originali. A restare fuori, non da YouTube, ma dalla possibilità di guadagnare, chi posta i video di altri, e delle major in particolare, e chi si “butta” sul facile sensazionalismo, quello ottenuto con video a contenuto offensivo. La stretta dovrebbe, negli intenti degli sviluppatori, far crescere la qualità e la creatività degli youtuber e la soddisfazione degli utenti.