esteri

L’Art Series Hotel Group ha deciso di lanciare una nuova bizzarra campagna

Art Series Hotel GroupROMA – Riuscire a scattare un buon selfie è ciò che qualsiasi viaggiatore si aspetta da una vacanza. Ultimamente il gruppo di Hotel dell’Art Series presenti in Australia ha deciso di trasformare i selfie in una vera e propria forma d’arte.

Infatti, l’ultima campagna promossa da questa catena di hotel, propone ai propri clienti di ‘spogliarsi del proprio accappatoio’ e posare per un selfie senza precedenti.

Rimanendo sempre focalizzati sull’importanza che questa catena di hotel dà all’arte, la loro proposta è quella di fornire ai propri clienti l’opportunità di posare nudi per un selfie, che verrà successivamente trasformato in un vero e proprio pezzo d’arte.

All’interno di ogni stanza sarà, infatti, presente una fotocamera grazie alla quale i clienti potranno farsi quanti selfie vorranno, il migliore dei quali sarà trasformato da un gruppo di esperti in una vera e propria opera d’arte.

“L’Art Series Hotel Group adora l’arte e più di tutti adora fornire ai propri clienti delle esperienze uniche e lasciar loro libero sfogo alla creatività”, ha detto l’amministratore delegato, Will Deague. “Questa nuova campagna denominata ‘No Robe’, si ispira alle varie forme di nudo presenti all’interno dell’arte. Non si tratta di tabù o di qualcosa di scabroso, non prendiamoci in giro. Con questa campagna, vogliamo incoraggiare i nostri clienti ad essere diversi e sfacciati, vogliamo insegnare loro a celebrare la propria individualità. L’Art Series Hotel Group supporta da sempre qualsiasi forma d’arte e spinge i propri clienti verso nuove e uniche esperienze. La campagna ‘No Robe’, si ispira certamente alla storia delle forme di nudità presenti nell’arte e all’espressione più pura di sé stessi”,  ha continuato Deague.

Le stanze nelle quali sarà fornito questo tipo di servizio, saranno presenti all’interno degli hotel di Melbourne, Bendigo, Adelaide e Brisbane, dal 1 Maggio al 15 Giugno, al prezzo di 299 dollari a notte.

Fonte: News.com.au