fotogallery

Onore al Grande Torino, 68 anni fa la tragedia di Superga

“Gli eroi sono sempre immortali agli occhi di chi in essi crede. E così i ragazzi crederanno che il Torino non è morto: è soltanto in trasferta”
(Indro Montanelli, dal Corriere della Sera del 7 maggio 1949)

tragedia superga grande torino

Il 4 maggio 1949 segna la più grande tragedia del calcio italiano: l’incidente aereo di Superga che rubò le vite dei Campioni granata.
Sono passati 68 anni, ma la leggenda del Grande Torino resta ancora viva nel ricordo dei tifosi.
Alle ore 14:50 di quel maledetto 4 maggio, decolla da Lisbona il volo fatale: l’aereo ospitava i campioni granata e i suoi dirigenti, di ritorno da un’amichevole con il Benfica.
Con cinque scudetti vinti negli anni Quaranta, la squadra a bordo era la dominatrice del campionato italiano dell’epoca.
68 anni dopo, non sono ancora certe le cause che portarono alla tragedia.
Si parla di maltempo, di malfunzionamenti dell’altimetro dell’aereo.
Resta solo una certezza: alle 17:03 l’aereo che trasportava il Grande Torino si scontrò contro un muro della basilica di Superga, uccidendo tutti i 31 passeggeri.

tragedia superga grande torino

Il mondo del calcio rimase sotto shock.
Mancavano poche giornate alla chiusura del campionato: il Grande Torino fu proclamato a tavolino vincitore e gli avversari di turno, così come i Granata, schierarono le formazioni giovanili nelle restanti partite.
Per la storia italiana si trattò della più grande tragedia calcistica mai affrontata, tanto che per i Mondiali in Brasile, la Nazionale viaggiò in nave.

tragedia superga grande torino

Per casi fortuiti, alcune persone non parteciparono alla trasferta, sopravvivendo al disastro.
Tra questi, il ct della Nazionale, Vittorio Pozzo, che dovette identificare le vittime dello schianto.
Il Grande Torino rappresenta ancora oggi il “calcio buono”, sopravvissuto al destino e consacrato nella memoria collettiva come leggenda immortale.

tragedia-superga

Onore al Grande Torino e alle vittime delle tragedia di Superga.

Giocatori

Valerio Bacigalupo
Aldo Ballarin
Dino Ballarin
Émile Bongiorni
Eusebio Castigliano
Rubens Fadini
Guglielmo Gabetto
Ruggero Grava
Giuseppe Grezar
Ezio Loik
Virgilio Maroso
Danilo Martelli
Valentino Mazzola
Romeo Menti
Piero Operto
Franco Ossola
Mario Rigamonti
Julius Schubert

Dirigenti

Arnaldo Agnisetta
Ippolito Civalleri
Andrea Bonaiuti (organizzatore delle trasferte della squadra granata)

Allenatori

Egri Erbstein
Leslie Lievesley
Osvaldo Cortina (massaggiatore)

Giornalisti

Renato Casalbore
Renato Tosatti
Luigi Cavallero

Equipaggio

Pierluigi Meroni
Celeste D’Inca
Cesare Biancardi
Antonio Pangrazi