Torna il rock demenziale dei The Buskers, il loro è un "Pirata d'amore"

Torna il rock demenziale dei The Buskers, il loro è un “Pirata d’amore”

ROMA – Si intitola “Pirata d’amore” il nuovo singolo dei The Buskers. Il brano è il secondo estratto da “Tronco”, il nuovo disco, pubblicato lo scorso 24 marzo 2017 da La M.U.O.R.I. Dischi.

The Buskers, il loro è un “Pirata d’amore”

“Pirata d’amore” è una canzone ironica e divertita, che gioca sul filo del nonsense. Rock demenziale ma pensato, stile graffiante, virtuosismi goliardici, toni leggeri e scanzonati per prendersi beffa della vita reale. Questi sono gli ingredienti di questo nuovo singolo; un pezzo tiratissimo e strappa sorrisi che corre velocissimo senza pause. “Pirata d’amore” è uno scioglilingua pirotecnico, al confine tra filastrocca e canzone, da canticchiarsi ad alta voce per risollevare spiriti delusi.

«Continuiamo la nostra piccola ribellione ridendoci su e non dobbiamo per forza trovarci un motivo. Non chiedeteci perché l’occhio dovrebbe mangiare il prosciutto.» – The Buskers

The Buskers e il loro “Tronco”

“Tronco” è un disco sincero, dai suoni grezzi e furenti, con ritornelli orecchiabili e martellanti. Ribellione, schiettezza e sberleffo; rabbia, sincerità e una buona dose di simpatica ironia, lanciano uno sguardo critico e velocissimo alle gioie e ai dolori quotidiani, rivelando un’inedita versione della band, più introspettiva, e per quanto in apparenza scanzonata, anche più riflessiva, rispetto a quanto portato su disco con l’esordio del 2014. Cuore, pancia e sudore.

«Abbiamo scritto “Tronco” in un tempo discretamente lungo, è stato pensato, ragionato e suonato nel nostro studio dove produciamo la nostra musica. “Tronco” rappresenta il nostro modo di vedere le cose e di vivere la quotidianità. E’ il nostro sfogo alla noia, alle frustrazioni e a tutto quello che ci fa stare male: lo prendiamo, lo comprimiamo e lo trasformiamo in musica. “Tronco” è quello che siamo, è tutte le facce dei The Buskers.»

 

 

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it