C'è possibilità che la pillola non abbia funzionato?...

C’è possibilità che la pillola non abbia funzionato?…

Dopo circa un’ ora sono andato a comprare la pillola d’emergenza e lei l’ha assunta, non ha avuto nessun sintomo da quelli descritti sul foglio illustrativo.

Buonasera . Avrei una domanda … dopo aver avuto un rapporto non protetto con la mia ragazza mi sono accorto purtroppo di aver avuto delle piccole perdite , dopo circa un’ ora le sono andato a comprare la pdgd e lei l’ha assunta .. però non ha avuto nessun sintomo da quelli descritti sul foglio illustrativo con le possibili cose che potrebbero venire una volta assunta … il rapporto è avvenuto il 19 , il ciclo doveva venirle circa il 13 14 giugno ma ancora niente, sapreste dirmi come mai ?? C’è possibilità che la pillola non abbia funzionato ?? Dico pure che lei facendo dei calcoli non si trovava nemmeno in un momento di fertilità … pero sono un po in ansia appunto per questo ritardo …

Albo, 24 anni


Caro Albo,
la contraccezione di emergenza è un farmaco a tutti gli effetti ed è sempre bene confrontarsi con il proprio ginecologo in modo da valutare ogni singolo caso.
Purtroppo il coito interrotto per quanto sia una pratica molto diffusa non è un metodo contraccettivo efficace in quanto non sempre si ha un controllo effettivo sul corpo in momenti di grande piacere.
Non è detto che necessariamente devono verificarsi tutti gli effetti collaterali questo varia da individuo a individuo. La tua ragazza ha assunto la pdgd con la giusta tempistica, per cui non dovrebbe essere compromessa la sua efficacia. E’ bene ricordarsi che la pdgd non solo da nausea, vomito, cefalea, o dolori pelvici ma può incidere anche sull’andamento del ciclo con anticipi, ritardi o episodi di spotting che dovrebbero rientrare in un paio di mesi dall’assunzione del contraccettivo di emergenza. Questo perché il corpo deve far fronte ad un apporto eccessivo e improvviso di ormoni e trova quindi dei sintomi non funzionali per arginare la situazione, proprio come accade quando uno ha la febbre e il corpo combatte una infezione.
Il ritardo potrebbe inoltre essere legato anche ad altri fattori come diete drastiche, stress fisico oppure emotivo. Quando si verifica una situazione di stress vengono prodotti due ormoni il cortisolo e l’adrenalina che ci consentono di far fronte a una situazione di emergenza. Se la situazione si prolunga la reazione “ormonale” di allarme va ad influenzare l’ipotalamo, dove risiedono anche le strutture di controllo del ciclo mestruale. Ciò può causare un blocco dell’ovulazione, o un’alterata produzione del progesterone.
Non dovrebbero esserci rischi significativi, se può tranquillizzarvi potreste effettuare un test di gravidanza valido sin dal primo giorno di ritardo oppure dopo 12/14 giorni dal presunto rapporto a rischio.
Un caro saluto!