libri

Io non ho paura, al via Trame Festival dei libri sulle mafie

ROMA – Tutto pronto per la settima edizione di Trame Festival dei libri sulle mafie. Festival che si terrà a Lamezia Terme da domani mercoledì 21 al 25 giugno. Un evento unico nel suo genere con un’intera comunità raccolta per cinque giorni intorno a un evento che in Calabria vuole dire ‘no’ alla mafia e no alla paura. Proprio per questo il titolo scelto per questa settima edizione è ‘Io non ho paura’. Un titolo particolarmente adatto in questi tempi di grandi tensioni. Un festival animato dagli organizzatori, dagli autori che partecipano, dal pubblico che assiste agli incontri ma anche da oltre cento giovani volontari che arrivano da Lamezia Terme e da tutta Italia e che credono in questa idea che ogni anno rinnova il suo successo.

Io non ho paura, al via Trame Festival dei libri sulle mafie

Nella prima giornata di Trame, domani, molti gli incontri che si terranno tra il Chiostro e la Piazzetta di San Domenico e Palazzo Nicotera. In serata il magistrato Pier Camillo Davigo incontrerà il direttore artistico del Festival, Gaetano Savatteri, sul tema della corruzione. Nel pomeriggio il giornalista Peter Gomez sul futuro dei giornali di carta che si confronta con la redazione di Scomodo, la più giovane redazione di un mensile cartaceo degli studenti romani. Attesa anche per l’incontro dedicato a decennale della strage di Duisburg. Eccidio da tutti conosciuto come la strage di Ferragosto che portò in Germania la sanguinosa faida di San Luca con l’uccisione di sei persone originarie della Calabria. Sul palco lo scrittore Sandro Mattioli, presidente dell’associazione “Mafia? Nein Danke!” e Bernhard Pfletschinger, autore di un documentario sulla strage. L’incontro sarà coordinato dalla giornalista e scrittrice Angela Iantosca.

Trame gli altri incontri della prima giornata

Tra gli altri incontri della prima giornata di Trame, “Io non ho paura di fare impresa”, in collaborazione con Confcommercio, con Carlo Loforti, Roberto Tagliavia, Giuseppe De Luca e Anna Lapini.  “Voce del verbo corrompere” con Angela Iantosca, “I ragazzi della guerra santa” con Anna Migotto, Stefania Miretti e Francesco D’Ayala e ‘Il boss in tv” con Cirino Cristaldi. In serata, al Teatro Comunale Grandinetti, andrà in scena “Il signor di Pourceaugnac” di Molière realizzato dalla Compagnia teatrale Capusutta, l’associazione La Strada, la Comunità di accoglienza per minori migranti “Luna Rossa” con il contributo del Teatro delle Albe di Ravenna.

Trame, non solo libri

Ad inaugurare il 7° anno di Trame due importanti mostre: Trame e me di Guido Scarabottolo, illustratore e grafico – nonché creatore del simbolo del Festival fin dalla sua prima edizione. E la mostra Le parole rubate, a cura dell’Associazione Treccani Cultura, con le parole della lingua italiana che, a causa della mafia, hanno assunto un doppio significato, negativo.