spettacolo

L’ultimo video di Chris Cornell: The promise per aiutare i rifugiati

ultimo video di Chris CornellROMA – È stato pubblicato nella giornata mondiale del rifugiato The promise, l’ultimo video di Chris Cornell. Il brano è stato registrato per l’omonimo film di Terry George e appare nei titoli di coda della pellicola.

Ad accompagnare la voce e la chitarra del cantante scomparso lo scorso 18 maggio, immagini strazianti provenienti da Libia, Syria e altri paesi colpiti dalle guerre. Adulti e bambini che scappano dal terrore con la speranza di vivere in maniera migliora.

Alla produzione del video aveva partecipato lo stesso Cornell. Dopo aver visto una prima versione del video, Cornell aveva chiesto al regista Meiert Avis di alleggerire alcune scene per renderlo più ottimista.”Chris – ha raccontato il produttore Eric Esrailian – voleva che alle immagini spaventose che mostrano la sofferenza dei rifugiati venissero aggiunte anche sequenze che illustrassero la speranza, la perseveranza e la sopravvivenza, perché quelli erano i temi del brano”.

Tutti i ricavati della canzone andranno andranno alla Chris & Vicky Cornell Foundation, che aiuta i bambini in difficoltà.

Tra i lavori postumi di Chris Cornell è stato anche annunciato il nuovo album di Johnny Cash “Johnny Cash forever words: The music”. Un disco nel quale alcuni testi scritti dal cantautore e mai diventati canzoni. Tutti i brani sono stati musicati da vari artisti, uno dei quali è appunto Chris Cornell.

L’ultimo video di Chris Cornell su Youtube. Su Facebook, invece, la lettera della figlia Toni a lui dedicata

Intanto, sulla pagina Facebook ufficiale di Cornell è stata pubblicata una lettera che la figlia Toni di 12 anni ha scritto al padre. “Fammi iniziare dicendo quanto ti voglio bene – scrive Toni – e cosa significhi per me. Sei il mio idolo, un modello di ispirazione, ci sei sempre stato per me. Quando piangevo, mi dicevi: ‘Non ti preoccupare, nocciolina, preoccuparsi è una perdita di tempo’”.

Poi tanti i ricordi: “Ho tanti ricordi con te ma il mio preferito risale all’inizio di quest’anno quando per il jetlegged cercavo un film da vedere e abbiamo guardato ‘Purple Rain'”. Quella sera fu il leader dei Soundgarden e degli Audioslave a scegliere il blockbuster. “L’ho messo e subito me ne sono innamorata. Avevamo anche la nostra canzone preferita ‘The Beautiful Ones'”. La lunga lettera si conclude con affetto: “Ti voglio bene e mi manchi papà”. Ecco il testo integrale.