spettacolo

Amy Adams al Giffoni Film Festival per ritirare il Giffoni Experience Award

Amy Adams al Giffoni Film FestivalROMA – Sarà Amy Adams la protagonista assoluta della giornata di sabato 15 luglio al Giffoni Film Festival 2017. All’attrice, una delle più celebrate della sua generazione, capace di inanellare una schiera di interpretazioni memorabili che le sono valse una serie di riconoscimenti, sarà conferito il Giffoni Experience Award.

Candida suora e affascinante truffatrice, principessa da fiaba e avvenente barista: sono alcuni dei tanti  personaggi a cui ha dato vita Amy Adams nelle sue molteplici e diversificate performance. Un’attrice dai mille volti con un cuore italiano: classe 1974, l’attrice è infatti nata in Veneto da genitori statunitensi e ha trascorso i primi tre anni della sua infanzia ad Aviano. Sabato 15 luglio tornerà nel Bel Paese per incontrare i giurati della 47esima edizione del Giffoni Film Festival (14- 22 Luglio) cui racconterà la sua brillante carriera, ricca di sfide e costellata di successi, grazie alla quale è riuscita a conquistare il cuore di critica e pubblico di tutto il mondo.

Amy Adams al Giffoni Film Festival, una carriera da Oscar

A farle guadagnare la sua prima nomination dall’Academy l’interpretazione della giovane Ashley in “Junebug” (2005) di Phil Morrison; tre anni più tardi, è invece il ruolo della candida suora ne “Il Dubbio” (2008) al fianco dell’immensa Meryl Streep a farle ricevere le nomination agli Oscar come miglior attrice non protagonista. Riceve la stessa candidatura per il personaggio dell’avvenente barista Charlene Fleming in “The Fighter” (2010) di David O. Russell e per la fedelissima moglie Peggy Dodd in “The Master” (2012) di P.T. Anderson. Nel 2013 è ancora diretta da Russell in “American Hustle”, che le porta la prima nomination all’Oscar come miglior attrice protagonista. Il ruolo della scaltra imbrogliona Sydney Prosser le vale anche il Golden Globe 2014, riconoscimento che ottiene anche l’anno successivo per l’interpretazione della pittrice Margaret Keane in “Big Eyes” di Tim Burton.

Tra i film in cui ha lavorato, “Animali Notturni” di Tom Ford (2016), “Batman V Superman: Dawn of Justice” (2016) di Zack Snyder, “Lei” di Spike Jonze (2013), “On the Road” di Walter Salles (2012), “Di nuovo in gioco” di Robert Lorenz (2012), “I Muppet” di James Bobin (2011), “Una proposta per dire sì” di Anand Tucker (2010), “Julie & Julia” (2009), “Sunshine Cleaning” di Christen Jeffs (2008), “Un giorno di gloria per Miss Pettigrew” di Bharat Nalluri (2008), “La Guerra di Charlie Wilson” di Mike Nichols (2007), “Come d’Incanto” (2007) di Kevin Lima, “Prova a prendermi” di Steven Spielberg (2002).

Nel 2016 ha interpretato Louise Banks, una studiosa di linguaggio chiamata a decifrare i messaggi di enigmatici alieni, in “Arrival”, diretto da Denis Villeneuve, ruolo che le è valso la nomination ai Critics Choice Awards, agli Screen Actors Guild Awards e ai Golden Globes e il Premio “Miglior attrice” del National Board of Review (NBR Award).

Prossimamente vedremo l’attrice nella serie della HBO “Sharp Objects” (di cui è anche produttrice) diretta da Jean-Marc Vallée e basata sull’omonimo bestseller del New York Times di Gillian Flynn. Sul grande schermo, invece, tornerà nei panni di Lois Lane in  “Justice League”, la quinta opera del DC Extended Universe sui supereroi DC comics della Lega della Giustizia, per la regia di Zack Snyder.