spazio e scienza

Attività del Sole più debole, lo dice la musica

Attività del Sole più deboleROMA – Attività del Sole più debole, lo dice la musica. A questa conclusione sono arrivati i ricercatori dell’università di Birmingham coordinati dalla ricercatrice Yvonne Elsworth. La loro ricerca, presentata ieri alla Conferenza Nazionale sull’Astronomia organizzata nel Regno Unito, è stata pubblicata sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society.

Attività del Sole più debole, lo dice la musica

L’attività del Sole è entrata nel suo ciclo più debole. A dirlo è la speciale musica che i terremoti, che avvengono all’interno della nostra stella, producono. “Il Sole – spiega Yvonne Elsworth – e’ molto simile a uno strumento musicale. Le sue note, però, sono a una frequenza molto bassa, circa 100.000 volte più’ bassa della nota ‘do'”. “Studiare le onde sonore con una tecnica chiamata eliosismologia, o sismologia del Sole, ci permette – ha sottolineato la ricercatrice – di scoprire quello che succede al suo interno”.

La scoperta un unico strumento, il Bison

Osservare l’attività del Sole non è stato certo facile. I ricercatori si sono avvalsi del Birmingham Solar Oscillations Network (Bison). È questa una rete di ben sei telescopi presenti in altrettanti Paesi del mondo. Tre i cicli di attività che la rete Bison è riuscita a individuare. Ogni ciclo dura in media tra i 10 e gli 11 anni. I cicli sono stato isolati analizzando la quantità di particelle energetiche create dall’interazione tra il campo magnetico e la superficie incandescente. La fase che il Sole sta vivendo attualmente è di un’attività particolarmente debole. Questo perché il suo campo magnetico si è assottigliato ed è rallentata anche la velocità di rotazione degli strati più esterni ad alcune latitudini. La fase attuale quindi è perfettamente naturale assicurano gli scienziati di Birmingham anche se non sono in grado di prevedere le conseguenze di questa attività minima. L’unica cosa certa, affermano è che “arriveremo al minimo di attività solare tra circa due anni”.