tech

Il primo telefono senza batteria, un salto nel futuro? No, un passo indietro

primo telefono senza batteriaROMA – Il primo telefono senza batteria è finalmente arrivato. Questo vuol dire addio stress, addio presa elettrica, cavi e spine varie. Basterà parlare e ricevere telefonate, oltre all’energia solare, per garantire autonomia al telefonino.

Nasce il primo telefono senza batteria, un salto nel futuro? No, un passo indietro

Le batterie croce e delizia degli utilizzatori degli smartphone. Dagli Stati Uniti, o meglio dell’università di Washington, però, arriva il primo telefonino che può fare a meno della presa elettrica e della relativa ricarica. Attenzione si parla di telefonino e non di smartphone perché per ottenere questo grande risultato i ricercatori hanno dovuto ripensare interamente il device. Eliminato tutto il superfluo, dal design al collegamento Internet. Insomma, con il primo telefono senza batteria si potrà solo parlare e ricevere chiamate. Un salto nel futuro per la salvaguardia dell’ambiente, un passo indietro per le nostre, ormai, consolidate abitudini.

 

Nasce il primo telefono senza batteria, ecco come funziona

Via gli inutili orpelli, il prototipo del primo telefono senza batteria è scarno ed essenziale. La sua energia è recuperata dell’ambiente e dalle onde sonore. Il cellulare per funzionare ha in dotazione una cellula fotovoltaica non più grande di un chicco di riso. Per il suo fabbisogno di energia, qualche milionesimo di watt, l’apparecchio sfrutta anche le onde sonore. Quelle prodotte dalla voce. Un’antenna converte, infatti, le vibrazioni in segnali radio nel modo da richiedere quasi nessun consumo energetico. Per passare dalla modalità “parlata” a quella di “ascolto” è necessario però premere un pulsante. Lo stesso principio delle vecchie radio trasmittenti. Quello del gruppo di ricerca Paul G. Allen School of Computer Science & Engineering dell’Università di Washington è solo un prototipo. Siamo certi che la ricerca farà passi da gigante nei prossimi anni e si arriverà ad avere anche un vero e proprio smartphone senza il “peso” della odiatissima batteria.