È vero che nel giorno più fertile, basandosi sulle perdite, il muco è meno?...

È vero che nel giorno più fertile, basandosi sulle perdite, il muco è meno?…

Riesco a percepire l’ovulazione per via delle abbondanti perdite che ho sempre verso il 14 giorno. Ho avuto dei rapporti non protetti e non completi.

Salve, avrei bisogno del vostro aiuto.
Sono una ragazza di 26 anni con un ciclo regolare di 29-30 giorni. Riesco a percepire l\’ovulazione per via delle abbondanti perdite che ho sempre verso il 14 giorno. Ho avuto dei rapporti non completi e non protetti il 30/06 e l\’01/07. Secondo voi rischio una gravidanza? E poi un\’altra domanda? È vero che il giorno più fertile, basandosi sulle perdite, è quello dove il muco è meno? Quando non si avverte più la sensazione di bagnato? Vi ringrazio infinitamente in anticipo

Marta, 26 anni


Cara Marta,
il coito interrotto per quanto sia una pratica molto diffusa non è un metodo contraccettivo sicuro in quanto non è così facile avere un competo controllo del corpo in momenti di grande piacere esponendo quindi a volte a dei rischi. Non specifichi in che periodo siano avvenuti i rapporti non protetti.
Per quanto riguarda il muco nella fase preovulatoria, quando gli estrogeni aumentano, si può notare un’aumentata secrezione di muco cervicale, che generalmente ha una consistenza prima gelatinosa, poi è opaco, poi sempre più limpido e filante fino ad assomigliare all’albume d’uovo. Questo cambiamento del muco vaginale è un’espediente che la natura ha messo in atto per facilitare l’ascesa degli spermatozoi verso l’ovulo della donna. Attraverso l’osservazione del muco vaginale è possibile capire se si è nel momento dell’ovulazione, infatti l’ultimo giorno della presenza di un muco liquido e filante è definito “giorno di massima fertilità”. Dopo l’ovulazione, quando le probabilità di rimanere incinta sono inferiori e le secrezioni vaginali diventano più appiccicose o possono scomparire del tutto.
Speriamo di essere stati di aiuto.
Un caro saluto!