Piano Scuola Digitale, a 20 mesi dall'avvio Fedeli presenta 'prossimi passi'

Piano Scuola Digitale, a 20 mesi dall’avvio Fedeli presenta ‘prossimi passi’

Roma – Quindici milioni di euro per estendere il registro elettronico a tutte le classi del primo ciclo, altri 140 milioni per avviare laboratori professionalizzanti in chiave digitale nelle scuole secondarie, 2,5 milioni per ambienti innovativi contro la dispersione nelle periferie.

E ancora, dal 15 settembre invece saranno istituiti tre gruppi di lavoro al Miur per la revisione delle indicazioni nazionali sul piano di studi, per fare la mappatura delle metodologie didattiche innovative e per monitorare l’uso dei device personali in classe.

Sono alcuni dei “prossimi passi” del Piano nazionale scuola digitale (Pnsd) annunciati oggi a Roma dalla ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, in occasione di un convegno a 20 mesi dall’avvio del Piano. Tra ottobre e novembre sono inoltre previsti interventi sulla formazione dei docenti: “Saranno attivati- ha spiegato la ministra- 18 future labs, uno per regione.

Previsto un investimento di 25 milioni di euro per la formazione avanzata sui temi del digitale per tutto il personale della scuola. Dal 12 settembre invece nascera’ una community online che terra’ in contatto tra loro gli animatori digitali”. “L’educazione, la formazione, non e’ un settore- ha aggiunto la ministra- ma la premessa indispensabile a tutte le politiche e’ la risposta alle criticita’ e alla crisi. Se non innoviamo la scuola, la crescita del Paese restera’ congelata e una vera innovazione puo’ avvenire solo con un incrocio tra cervelli, amministrazione e tutte le parti interessate. Le scelte sulla scuola digitale rendono inoltre il Paese piu’ attrattivo per gli studenti e gli investitori esteri”.

GIACOMELLI: ENTRO 2020 WEB ULTRAVELOCE IN TUTTI EDIFICI 

“Un voucher per tutti gli istituti scolastici che sara’ presentato al Cipe “entro il 7 agosto, data dell’ultimo Cdm prima della pausa estiva”, per garantire a tutti “la connessione a 100 Mbps entro il 2020”. E’ quanto annunciato dal sottosegretario allo Sviluppo economico con delega alle Telecomunicazioni, Antonello Giacomelli. “Le scuole che hanno gia’ la connettivita’- ha spiegato Giacomelli- potranno spendere il voucher per il suo pieno utilizzo, per le altre ci sara’ la garanzia di una connessione sufficiente. Il Governo e’ pronto a investire risorse aggiuntive da settembre per il Piano digitale della scuola, per favorire competenze e start up: se i ragazzi vogliono realizzare qualcosa di innovativo non devono per forza andare a Londra”, ha concluso, ma devono poter rimanere in Italia.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it