libri

John Doe volume 5 è in libreria. La storia ad un punto di svolta

ROMA – E’ uscito da pochi giorni in libreria ed è già un successo. Parliamo del quinto volume (BAO Publishing) dell’edizione definitiva della prima stagione di John Doe. L’incredibile serie creata da Lorenzo Bartoli e Roberto Recchioni.

John Doe,  tutto ruota intorno a Tempo

Quattro storie incentrate intorno alla figura di Tempo, l’entità responsabile del flusso della Storia, da sempre innamorata di John Doe. Quattro storie che ribaltano i consueti punti di vista e rivelano non solo alcune delle pieghe più nascoste del mondo narrativo che circonda il Golden Boy, ma anche la direzione che la serie sta prendendo giunti a questo punto della storica prima stagione.  Lorenzo Bartoli e Roberto Recchioni all’apice del loro talento, in quattro episodi memorabili, avvolti come di consueto in una copertina inedita di Massimo Carnevale.

Non c’è più tempo John Doe.

Sei più solo che mai. 

John Doe 3, gli autori

Roberto Recchioni,

romano, classe 1974. È sceneggiatore e soggettista per il fumetto e il cinema, illustratore, critico, personalità web. La sua principale occupazione è l’arte sequenziale ed è stato definito “la rockstar del fumetto italiano”. Ha scritto personaggi iconici come Tex, Diabolik e Topolino e ha creato John Doe (insieme a Lorenzo Bartoli), Battaglia, Detective Dante, David Murphy: 911 e la serie Orfani. Da alcuni anni è il direttore di Dylan Dog, la creatura di Tiziano Sclavi pubblicata dalla Sergio Bonelli Editore.

Lorenzo Bartoli (7 aprile 1966 – 5 ottobre 2014)

è stato uno dei più importanti sceneggiatori e romanzieri italiani. Dopo l’esordio nel 1988 sulla rivista L’Eternauta, di cui diventa direttore editoriale qualche anno più tardi, nel 1993 crea insieme ad Andrea Domestici la serie da edicola Arthur King. Nel 1996 inizia a collaborare con la Sergio Bonelli Editore, per la quale firma alcune storie di Martin Mystère, e con il mercato americano con le serie Dolls e Morrigan. Nel 2002, sempre per Eura Editoriale, in coppia con Roberto Recchioni crea una serie destinata a rivoluzionare il panorama delle edicole italiane: John Doe. La serie si rivela un ottimo successo, ottenendo prestigiosi riconoscimenti come il Premio Micheluzzi nella categoria “Miglior serie italiana” e, nella stessa categoria, il Premio Gran Guinigi.