spettacolo

Belen madrina del Festival del peperoncino in Calabria. Polemiche per il cachet d’oro

Belen madrina del festival del peperoncinoROMA – In questi ultimi giorni le polemiche sembrano non volerla abbandonare. Dopo l’incidente della sigaretta fumata in aereo, Belen torna a far parlare di sé. Questa volta per la sua partecipazione al Festival del peperoncino di Diamante, in provincia di Cosenza. La kermesse si terrà dal 3 al 6 settembre. La Rodriguez dovrebbe prenderne parte, non si sa in che modalità e per quanto tempo. Fatto sta che la showgirl sarebbe stat pagata oro. Per la precisione ben 30 mila euro, sborsati attraverso i fondi della regione Calabria. Denaro, in origine, destinato alla cultura.

La denuncia arriva dal Codacons che è stato anche querelato “per la diffusione di notizie false che ledono gli interessi dell’Accademia Italiana del Peperoncino Onlus organizzatrice”. L’associazione, inizialmente, aveva fatto sapere che il cachet in questione era di ben 60 mila euro. Notizia subito smentita dall’Accademia che ci ha tenuto a precisare la cifra esatta sborsata. 36.600,00 euro, di cui 23 mila  euro (a detta del Codaconds) pagati dalla regione Calabria. Una cifra che, secondo il Codaconds, sarebbe destinata a salire con le spese di alloggio, di trasporto e simili.

“Il cachet di Belen Rodriguez – scrive l’Accademia in una nota su Facebook –  è di euro 30.000 come risulta dalla fattura allegata. E non di euro 60.000 come riportato negli articoli. 2) L’Accademia non ha ricevuto alla data odierna nessuna comunicazione di finanziamento regionale. Ha presentato alla Regione Calabria un progetto per il venticinquennale del Peperoncino Festival con la richiesta di un cofinanziamento con i fondi europei. Il 65 per cento a carico della Regione e il 35 per cento a carico dell’Accademia che organizza l’evento. Alla data del 21 agosto 2017 la Regione ha pubblicato l’elenco di 12 eventi ammessi in graduatoria ma non ha deciso e non ha dato notizia dei finanziamenti approvati e concessi. 3) Allo stato dei fatti, se la Regione approverà il progetto e riconoscerà il cofinanziamento previsto, il 65 per cento del cachet di Belen sarà a carico della Regione e il 35 per cento a carico dell’Accademia. In pratica, per la Regione Calabria, un impegno inferiore a 19.000 euro”.

La risposta del Codacons, ovviamente, non si è fatta attendere: “A ogni modo, e uscendo dal ginepraio di cifre, la questione rimane: la metà di uno spreco rappresenta pur sempre uno spreco, specie a fronte dei tanti e tanti progetti che – nel territorio calabrese – non godono di altrettanta fortuna”. Neanche i calabresi sembrano troppo contenti di aver scoperto quanto accaduto. Sono tanti, infatti, che promettono di disertare – dopo tanti anni di partecipazione – il festival.

Belen madrina del Festival del peperoncino. La showgirl commenta solo l’episodio dell’aereo provato

Belen, dal canto suo, non ha commentato la vicenda. Nessun silenzio, invece, per l’episodio dell’aereo privato, scambiato per un tentativo di rapimento. “A un certo punto si sono accese le spie di emergenza – ha raccontato la showgirl – e il pilota non ha più voluto parlarci: ha messo il segnale di non disturbare. Il mio fidanzato ha provato a comunicare con lui, bussava alla porta, gli ripeteva ‘please’, ma niente. Sentivamo che l’aereo stava scendendo ma non capivamo dove fosse diretto. Non ce lo diceva. Così ho iniziato a mandare dei messaggi a mia mamma e ad alcune amiche con gli screenshot della nostra posizione: quando l’aereo non vola alto il telefono prende. Questo perché ho anche pensato più di una volta che mi stesse rapendo, che quel volo si fosse trasformato in un rapimento”.

Belen ha ricevuto una denuncia per la sigaretta accesa ma ha deciso di ricambiare con la stessa moneta nei confronti del comandante. “Da una parte non ne volevo parlare, – ha aggiunto – perché ormai sono abituata a questo genere di montature. Ma l’altro giorno mi sono davvero spaventata, ho avuto anche una specie di attacco di panico. Per questo adesso andremo per vie legali e nei confronti del pilota partirà una denuncia importante”.