fotogallery

X-Factor 11, le lacrime di Mara Maionchi e la guerra all’inglese – VIDEO

lacrime di mara maionchiROMA – Un ciclone di talenti ha investito il pubblico nella prima puntata di X-Factor 11.
Audizioni scandite da voci straordinarie che hanno commosso i giudici: dalle lacrime di Mara Maionchi ai brividini di Fedez, le emozioni hanno dominato la serata.
Così come nbon sono mancati i “talenti da StraFactor”, personaggi originali meritevoli di un programma tutto per loro…

Al via le audizioni

Anche quest’anno, Alessandro Cattelan ci introduce nella nuova edizione di X-Factor.
Si parte subito con il giovanissimo Eniar Ortiz, alla sua prima esibizione pubblica.
Con la sua versione di All of Me di John Legend, conquista giudici e pubblico.
E’ la prima di una lunga serie di standing ovation che il pubblico regalerà ai concorrenti.
Prima band a passare sono i Måneskin, che con 4 sì confermano il loro straodinario potenziale.
passa anche

 

Tra una serie di casi umani e l’altra (imbattibile il tormentone “Eleonora” di Andrea Verì che con il suo trattore ricorda tanto la Dani Oh di Marcello Cannavò), è il turno della straordinaria Camille Cabaltera.
Accompagnata dal pianoforte, la 17enne di origine filippina presenta il suo inedito, brano che alterna melodia e rap.
I giudici non hanno dubbi: per lei 4 sì.

 

Guerra all’inglese

E’ Mara Maionchi a dare il via alla prima “guerra”: in questo caso contro la lingua inglese.
Vittime i The Noizers, “ma non vi potevate chiamare i Cavalli?”.
La band ammette di cantare prevalentemente in inglese, scatenando le ire di Mara.
“Perchè americano, gli americani c’hanno Trump” , si sfoga il giudice, che la termine della loro esibizione riconosce il loro talento.
“Ok siete bravi, che palle. Però cantate in italiano, facciamo un po’ di guerra a questa musica esterofila”. Per Manuel Agnelli, “siete vestiti da cani, ma sul palco ci sapete stare”.

E’ il truno di MC, rapper arrabbiato con il mondo che esprime le sue emozioni a suon di “vi faccio fuori merxxe”.
Per lui 4 no, e un rammarico: “Quando sei troppo crudo con la realtà sucedono queste cose”.

Le lacrime di Mara Maionchi

E’ Andrea Uboldi il rapper che conquista giudici e pubblico. Appena sedicenne, il giovane racconta in rime la sua storia.
Fedez piange, Levante piange, Mara si commuove, Manuel resta impassibile, e alla fine Andrea va a casa con 4 sì.

Dopo il Gabbani anni’80 e la band che avrebbe dovuto stare sul Titanic, tocca al duo Heron Temple.
Chiatarra, voce e talento che conquista giudici e pubblico all’unanimità.

 

Altro momento di commozione con Samuel Storm,  migrante nigeriano che ha attraversato deserto e mare per arrivare in Italia.
Con la sua voce scioglie il cuore del pubblico e conquista 4 sì.

 

I “casi umani”

Riparte la fiera degli stramboidi.
Con licenza di ballare e cantare arriva Simone: ma il suo cielo non è così tanto blu come canta. Per Mara è meglio come comico che come cantante.
E che dire del canuto Angelo Oliva.
Il ricciolino attempato presenta il suo inedito e si scatena il Far West.
Per Manuel non è intonato, ma lui non ci sta: “Se pensi che io sia stonato non hai capito ninte della vita”.”Guanto di velluto” anche per Fedez: “Tu fai rap, perché sai cantare?”.
A quel punto interviene Mara: “Stonato non lo sei, sei una pippa”.

 

Fine delle prima puntata

La prima puntata di X-Factor 11 si conclude con la voce di Sofia Rita Eugenia.
Intensa per Levante, fluida per Mara, timbro unico per Manuel. Secondo Fedez è un “diamante da sgrezzare”.
Alla fine se ne va a casa con 4 sì.

x-factor 11 (1) x-factor 11 (6) x-factor 11 (5) x-factor 11 (4) x-factor 11 (3) x-factor 11 (2) x-factor 11 (5) x-factor 11 (4) x-factor 11 (2) x-factor 11 (1)
<
>