Marche, Ceriscioli: "Sarnano esempio di ricostruzione"

Marche, Ceriscioli: “Sarnano esempio di ricostruzione”

Ancona – Inaugurata a Sarnano la scuola dell’infanzia ‘Benedetto Costa’. Presenti, oltre al governatore delle Marche Luca Ceriscioli e a quello del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani e alla neo commissaria per la Ricostruzione Paola De Micheli, anche il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e il ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli.

La realizzazione del plesso scolastico e’ iniziata nel maggio scorso grazie una donazione della Regione Friuli Venezia Giulia e il concorso di soggetti pubblici e privati che hanno provveduto a costruirlo. Per fare posto alla nuova scuola di mille metri quadrati di superficie, in grado di accogliere una novantina di bambini, ad alta efficienza energetica e in quarta classe di resistenza sismica, e’ stata demolita quella vecchia.

Proprio per le sue notevoli caratteristiche costruttive e’ riconosciuto come edificio strategico di Protezione civile e ospitera’ anche il Centro operativo comunale. “Questa struttura- dice Ceriscioli- e’ un esempio perche’ e’ stata realizzata con tempi e modalita’ particolari ed e’ un esempio sul quale occorre misurare e confrontare la propria azione, visto che la scuola e’ il futuro della nostra comunita’. É una sorta di paradigma col quale confrontarci per la tecnologia all’avanguardia utilizzata, con un’elevata qualita’ dei materiali e di sostenibilita’ dell’ambiente”. Ceriscioli ha poi ricordato che tanti Comuni “sono impegnati per la ricostruzione delle scuole grazie al Piano delle opere approvato: strumento che segue tutto l’iter a partire dalla progettazione, approvazione del progetto sino ad arrivare alla gara d’appalto e poi alla realizzazione”.

La presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani ha ricordato come sia stato possibile realizzare la scuola “grazie alla solidarieta’ e alle tante donazioni”. I saluti finali sono spettati a premier Gentiloni. “Le inaugurazioni delle scuole sono un privilegio per chi fa attivita’ di governo- spiega-. Sono dei segnali di fiducia per le nostre comunita’ e questi segnali sono di un’importanza straordinaria. É importante come ci organizziamo per la ricostruzione, ma altrettanto importante la voglia di restare in questi centri, lo spirito di comunita’. Quando l’Italia dei campanili si stringe, collabora per costruire una meravigliosa scuola questo, e’ l’esempio di una Italia che funziona e che traduce la propria particolarita’ in una straordinaria forza”.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it