fotogallery

Blade Runner, su Italia 1 il cult originale di Ridley Scott

blade runnerROMA – Io ne ho viste cose…
A distanza di 35 anni Harrison Ford torna a vestire i panni del cacciatore di replicanti Rick Deckard: il prossimo 5 ottobre arriva nelle sale italiane “Blade Runner 2049”, sequel del mitico cult firmato da Ridley Scott nel 1982.
In attesa dell’uscita al cinema del nuovo film, Italia 1 presenta – venerdì 29 settembre in prima serata – l’originale pellicola “Blade Runner”, pietra miliare e senza tempo che ha fatto la storia del cinema di fantascienza, andata in onda per l’ultima volta in prime-time nel 2009.

Ispirato al romanzo di Philip K. Dick del 1968 “Il cacciatore di androidi”, “Blade Runner” è ambientato in una Los Angeles distopica dell’anno 2019, dove creature aliene dalle sembianze umane vengono utilizzate come forza lavoro nelle colonie extra-mondo. Le unità “Blade Runner”, a cui appartiene il cacciatore di taglie Rick Deckad, sono squadre speciali della polizia che si occupano di “ritirare” i replicanti, quando questi fuggono illegalmente sulla Terra.

Nominato a 2 Oscar e a 1 Golden Globe, “Blade Runner” è considerato uno dei migliori film di fantascienza di sempre.

blade runner (3) blade runner (6) blade runner (4) blade runner (2) blade runner (7) blade runner (1) blade runner (9) 1982, BLADE RUNNER Blade runner

Blade runner

1982

Ridley Scott

Sean Young
<
>

“Blade Runner” in pillole:

• Il regista Ridley Scott ha dichiarato di ritenere “Blade Runner” il suo lavoro più intimo e completo;
• La prima scelta di Scott per la parte di Harrison Ford fu Dustin Hoffman che si disse interessato, ma non molto convinto di risultare adatto a un ruolo del genere;
• Joanna Cassidy – che interpreta la replicante Zhora – nella scena con il pitone, si portò il suo serpente Darling da casa;
• La piramide della Tyrell Corporation che compare nel film è un modellino in scala 1:750 che, alla fine delle riprese, prese fuoco;
• Per interpretare la replicante Pris, Daryl Hannah non fu la prima scelta ma fu Debbie Harry, la leader dei Blondie che rifiutò;
• Nella scena in cui Pris inciampa rompendo il vetro di una macchina, Daryl Hannah scivolò realmente sul set ferendosi il gomito in otto punti;
• Il termine ‘replicante’ fu coniato dal co-sceneggiatore David Peoples su suggerimento della figlia che studiava microbiologia;
• Molte delle compagnie comparse in “Blade Runner” crollarono dopo l’uscita del film;
• Alcuni elementi visivi di “Blade Runner”, compresi i dettagli delle macchine volanti e dei computer rivoluzionari, furono ripresi da “Alien”;
• Ridley Scott rilasciò sette versioni alternative del film.