libri

La congiura dei monaci maledetti, il nuovo romanzo di Nicolosi De Luca

La congiura dei monaci maledetti

Nuova Narrativa Newton Pagine: 352 Prezzo: 10,00 e-book: 2,99

ROMA – Arriva in libreria La congiura dei monaci maledetti, edito per la Nuova Narrativa Newton, il nuovo avvincente romanzo del giornalista e scrittore Carmelo Nicolosi De Luca. Una serie di oscuri delitti, una setta misteriosa in cerca del testamento scomparso… Cinquanta capitoli dal ritmo serrato, un giallo avvincente, un romanzo enigmatico come Il nome della rosa e magnetico come La cattedrale del mare.

La congiura dei monaci maledetti, il romanzo

Palermo. Il proprietario di una libreria di testi antichi, viene brutalmente assassinato a Palermo. Il colpo mortale è inferto da un pugnale che pare risalire al 1500. Dopo qualche giorno, nella tranquilla Firenze, viene ucciso un collezionista di libri d’epoca. Lo strano dettaglio è che l’arma del delitto è un pugnale identico a quello dell’omicidio siciliano. Stessa sorte tocca a un operaio che si occupa dei lavori di restauro nella basilica di San Domenico a Palermo. E la morte arriva anche in Vaticano. Il segretario di Stato viene trovato morto nella sua auto e la morte raggiunge anche un cardinale esperto in Sacra Teologia.

Il testamento di Savonarola

Le indagini – svolte a più livelli dalle squadre di polizia delle tre città colpite dagli omicidi, da un giornalista palermitano e da un monsignore della Santa Sede – portano ben presto a una scoperta sconcertante. L’esistenza di una setta, nata in Italia alla fine del 1400, ma sopravvissuta fino ai giorni nostri. E’ quella dei Frateschi, a capo della quale c’è un misterioso conte. I suoi adepti, fedeli ai moniti di moralizzazione della Chiesa di Girolamo Savonarola, cercano da secoli il testamento che egli affidò ad alcuni discepoli prima di essere arrestato. E se tutti i delitti fossero legati a quel manoscritto? La scia di sangue, intanto, sembra destinata a non arrestarsi. Chi muove i fili dell’intricato complotto che affonda le sue radici in tempi lontanissimi?

Quando le indagini brancolano nel buio

Il questore di Roma, Ettore Midiri, e il capo della Mobile di Palermo, il vicequestore Giovanni Barraco, soprannominato nell’ambiente della Polizia “la leggenda”, si trovano coinvolti in una vicenda talmente intrigata e incredibile da rendere quasi impossibile la strada sulla quale indirizzare le indagini.  Un romanzo scritto con uno stile ricercato e letterario, con grande cura dei dettagli e soprattutto ricco di personaggi che lasceranno una traccia indelebile nella memoria del lettore.

La congiura dei monaci maledetti, l’autore

Carmelo Nicolosi De Luca è nato a Catania, ma vive a Palermo, dove scrive per il «Giornale di Sicilia». Ha lavorato 24 anni per il «Corriere della Sera». Ha curato inchieste e servizi da Europa, Asia, Africa, Medio Oriente, Sudafrica, Americhe, intervistando molti personaggi che hanno fatto la storia mondiale, tra cui Nelson Mandela. Si è dedicato solo al giornalismo fino a pochi anni fa, quando è ritornato alla vecchia passione di scrittore, pubblicando L’Italia degli inganni. Il genere che preferisce, però, è il thriller. L’autore è stato insignito, nella sua carriera, di numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali.