esteri

Cari molestatori, la denuncia di Noa Jasma su Instagram

Noa Jasma su InstagramROMA – Cari molestatori. Si chiama così il profilo Instagram di una giovane ragazza olandese, Noa Jasma, che, a modo suo, ha deciso di combattere le molestie sessuali subite quotidianamente per strada.

Cari molestatori, la denuncia di Noa Jasma su Instagram

24 fotografie scattate per strada con altrettanti uomini non rispettosi, diciamo così, delle donne. È questo il risultato ottenuto dall’esperimento su Instagram di Noa Jasma in un solo mese. Quasi una foto al giorno.

La ventenne olandese, preda quotidiana di apprezzamenti fastidiosi, ha avuto l’idea di denunciare, in maniera del tutto nuova, le molestie subite. Ogni foto postata sul profilo “Dear Catcallers”, cioè cari stalker, cari molestatori, riporta la frase esatta che gli sconosciuti le hanno rivolto. Da “So cosa vorrei fare con te, baby” alle più innocue, si fa per dire, “posso avere il tuo numero” o “perché non mi fai un sorriso?”. Un ampio ventaglio di frasi e di molestie documentate con selfie e volti di uomini che pensano di suscitare simpatia.

Cari molestatori, il progetto di Noa Jasma su Instagram non si ferma

Coraggio. Ecco cosa ha dimostrato Noa Jasma. Tutto è nato quando la ragazza è stata filmata con uno smartphone su un treno da due sconosciuti che poi le hanno rivolto apprezzamenti “pesanti”. Da questo episodio l’idea di passare al controattacco. “Volevo fare qualcosa che mi desse potere su di loro”, ha spiegato al sito Redpers. In pochi giorni il suo profilo ha raggiunto i 30mila followers.

I commenti in calce alle fotografie non sono stati però tutti solidali. Per alcuni commentatori chiedere a qualcuno un sorriso o dirle che è una bella ragazza non è molestare. Quasi che le donne debbano, in silenzio, sorbirsi le “voci” degli uomini. Il progetto di Noa, dopo un mese, non si ferma. La ragazza ha deciso, infatti, di passare il testimone e l’account ad altre ragazze. In questo modo ognuna potrà, a sua volta, denunciare ciò che subisce. Un modo come un altro per sensibilizzare l’opinione pubbliche e, soprattutto, i giovani.

Immagine molestatori 5 molestatori 3 molestatori
<
>