spettacolo

Mark Salling di Glee ammette il reato di pedopornografa. Ora rischia il carcere

mark salling di gleeROMA – Ragazzo dannato nella sua serie tv e anche nella vita. Mark Salling di Glee ha ammesso il reato di pedopornografia, confermando accuse che lo vedono protagonista già da un paio di anni. Nel 2015 il primo arresto, quando la polizia trovò nel suo computer oltre 50.000 immagini e video pedopornografici. Più altre 4.000 in una pen drive. Foto di bambini dai 3 ai 10 anni.

Mark Salling di Glee confessa: cosa c’è nel suo futuro adesso

La confessione nel processo che si è aperto a suo carico. Quattro mesi dopo essersi dichiarato non colpevole a un’udienza di giugno. Adesso rischia il carcere. Nello specifico, una condanna dai 4 agli 7 anni. Oltre a 20 anni di supervisione: rigidi controlli, la terapia e zero contatti con i minorenni, se non in presenza dei genitori o di un tutore legale. Inoltre, dovrà stare ad almeno 100 metri di distanza da scuole, parchi e altre strutture per bambini. L’attore, poi, dovrà pagare un risarcimento – di circa 50.000 dollari – a ogni vittima che lo ha chiesto. Infine, Salling è stato iscritto nella lista dei sex offenders (in italiano dei maniaci sessuali). Il patteggiamento gli eviterà i 20 anni di carcere previsti per un simile reato. La sentenza definitiva è attesa per il 17 ottobre.

Le accuse a Mark Salling: la caduta di una stella

Il trentacinquenne, noto per la sua interpretazione di Noah Puckerman, dal 2015 è sotto l’occhio del ciclone. L’attore, per anni, ha scaricato e salvato immagini pedopornografiche per poi mostrarle a delle donne che ha frequentato. Una di queste lo ha denunciato alla polizia. Ed è lì che è iniziato tutto ed è finita la sua carriera.

Lo scorso marzo, Salling aveva raggiunto un accorto da 2 milioni e 700 mila dollari con una donna che l’aveva accusato di averla obbligata a fare sesso non protetto con lui e di averla spinta ferendola. Con il patteggiamento si chiude così la parabola discendente di una stella che, dopo la fine di Glee, non è più riuscito a dimostrare il suo talento.