Prestare soldi, Francesco Totti e Valentino Rossi le celebrity che ispirano fiducia

prestare soldiROMA – Gli italiani sono tutto tranne che tirchi. A dimostrarlo è un’indagine fatta da Circle Pay, l’applicazione leader nel campo dei pagamenti social, che ha investigato le abitudini e i pareri dei cittadini del Bel Paese in materia di prestiti. L’indagine demoscopica è stata condotta dall’istituto di ricerca e analisi di mercato Doxa.

Uomini e Millenials i più generosi

Il 60% degli italiani dà in prestito del denaro ad amici e familiari almeno qualche volta l’anno. Di questi, il 22% presta denaro almeno una volta al mese. Per quanto riguarda il chiedere un prestito, però, lo fanno meno frequentemente: solo il 13% lo fa almeno una volta al mese. A prestare denaro almeno qualche volta al mese sono, in particolare, gli uomini (31%) e i Millennials, giovani di età compresa tra 18 e 34 anni,  (28%).

Totti e Valentino Rossi ispirano fiducia

Dato curioso è che il 57% degli intervistati presterebbe denaro a una celebrity, sicuri di riaverlo indietro appena possibile. Il 26% presterebbe del denaro a Francesco Totti e il 19% a Valentino Rossi. Sono loro i vip che ispirano più fiducia.

Quanto denaro prestano o chiedono in prestito gli italiani

Ogni mese, il 39% degli italiani presta almeno 10 Euro a familiari e amici. Il 18% presta almeno 50 Euro e il 7% oltre 100 Euro. Solo il 26%, invece, chiede in prestito importi superiori ai 10 Euro. Se consideriamo che sono oltre 37 milioni gli italiani di età compresa tra i 18 e 64 anni (dati Istat), i piccoli prestiti ad amici e parenti, ogni mese, si stima ammontino a circa 800 milioni di Euro.

Gli intervistati che prestano quantità di denaro più ingenti – oltre i 50 Euro – sono gli uomini (22% vs il 15% delle donne) e le persone di età compresa tra i 55 e i 64 anni (24%). I Millennials, invece, pur prestando denaro più spesso, prestano cifre più basse (il 33% fino a 25 Euro).

Il 28% degli italiani chiede in prestito, ogni mese, un massimo di 50 Euro: il 31% degli uomini e il 24% delle donne. Il 33% dei Millennials chiede in prestito ogni mese un massimo di 25 Euro.

Gli stati d’animo inerenti al prestito

Gli stati d’animo prevalenti per chi deve chiedere indietro meno di 20 Euro sono l’imbarazzo (64%) e il disagio (63%), entrambi più avvertiti dalle donne (69%). Nonostante ciò, il 56% si sente giustificato a farlo, ma solo il 38% dichiara di essere tranquillo nel chiedere indietro del denaro.

Anche se la maggior parte degli intervistati (61%) afferma di non sentirsi troppo tranquillo a chiedere del denaro indietro, quando arriva il momento, sceglie di farlo di persona, specialmente se si tratta di cifre superiori ai 50 Euro (65%). Telefonate, sms o altre modalità meno dirette vengono scelte da percentuali molto basse, inferiori al 10%. Il 34% afferma di chiedere difficilmente indietro importi sotto i 20 Euro, percentuale che si abbassa al 21% per importi sopra i 50 Euro.

Solo il 18% chiede indietro il denaro quando si tratta di cifre inferiori ai 25 Euro, la percentuale sale al 32% per prestiti superiori ai 50 Euro. Più di 1 italiano su 10 (11%) afferma di chiedere raramente indietro il denaro anche quando si tratta di cifre elevate. Il 29% dei Millennials dichiara di chiedere indietro qualsiasi cifra.

 

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it